Home ARTICOLI Valle Caudina. Il giovane Paolo Col tra i primi 100 tennisti del Belgio.
0

Valle Caudina. Il giovane Paolo Col tra i primi 100 tennisti del Belgio.

0

Il caudino Paolo Col è tra i primi cento tennisti  del Belgio dove risiede dall’età di 3 anni e dove ha svolto i suoi studi presso la Scuola Internazionale di S.H.A.P.E. (Supreme Headquarters Allied Powers Europe), Comando Strategico della NATO in Belgio. Ha frequentato la Sezione inglese della scuola e poi quella belga (francese) fino al diploma delle scuole superiori ma non ha mai spesso di coltivare  la  passione  del tennis  cominciando a giocare quando aveva solo sei anni.

Probabilmente  questa dedizione gli è stata trasmessa dal suo padre Pino Col (napoletano di origine ma cittadino di Forchia dal 1987 al 2000 ed ex maestro del TC Airola e del TC Moiano dal 1990-1993) poi al Royal Albert Elisabeth Tennis Club di Mons. Suo padre infatti con  un passato da Ufficiale della Marina Militare Italiana, è dal 2007 Dirigente presso la NATO ma non ha mai abbandonato la sua passione per il tennis e dal 2016 è Presidente del RAECT Mons (primo presidente italiano di un club belga), classificatosi al 1° posto per meriti sportivi nella speciale classifica della Regione del HAINAUT negli ultimi tre anni. E così  buon sangue non mente e Paolo classe 2002 é tra i primi cento giocatori del Belgio.Una volta diplomato, Paolo ha espresso il desiderio di poter combinare gli studi universitari con il tennis, ed in particolare avrebbe voluto trasferirsi negli Stati Uniti dove questo tipo di approccio è da tempo una realtà. Intanto, venuto a conoscenza di un programma simile che dal 2012 é stato messo in piedi dall’University of East London subito dopo i Giochi Olimpici del 2012 svoltisi proprio a Londra, ad  Aprile 2019,  il giovane tennista ha effettuato un provino a Londra con il coach dell’Accademia londinese responsabile del programma ed è stato poi selezionato per far parte della rappresentativa universitaria di tennis, ricevendo anche una borsa di studio di circa 15.000 sterline. La scorsa stagione (2019-2020), ha contribuito in maniera determinante al successo della sua squadra nel vincere il titolo universitario della Gran Bretagna, senza perdere neanche un incontro.

Purtroppo, l’attuale stagione non é ancora partita a causa della crisi sanitaria del COVID-19.Nonostante sia cresciuto in Belgio Paolo è molto legato alle sue origini beneventane,sua madre Paola De Vita è infatti la figlia dell’ex direttore dell’Enel di Montesarchio Mario De Vita e di Emilia Sepe.Il giovane tennista ci tiene molto alle sue origini caudine e si reca spesso a Montesarchio per trascorrere un po’ di tempo con i nonni materni. Con l’occasione, ne approfitta  sempre per allenarsi con gli esperti del settore Potito e Gianluca Starace presso il loro circolo tennis a Cervinara nonché con il Maestro Antonio Leone presso il TC 2002 di Benevento. Le congratulazioni arrivano da tutti gli amici caudini ma anche dal Sindaco di Montesarchio Franco Damiano: «Siamo orgogliosi di un talento come Paolo che è la testimonianza di giovani caudini che credono fortemente in una loro idea e la portano avanti anche a costo di rimanere lontano dagli affetti familiari ma anche per l’amicizia che mi lega da anni a suo nonno Mario ed a tutta la famiglia De Vita» E’ bello sottolineare come la dedizione per uno sport possa offrire delle opportunità interessanti come quella offerta a  Paolo che ha potuto conciliare gli studi universitari a Londra con la sua passione per il tennis che  nasce come un gioco ma fornisce l’opportunità  per la socializzazione che  non deve essere mai dimenticata, anche per la dimensione ludica e di svago che ne rappresenta l’origine. Il tennis insomma  non è solo uno sport meraviglioso ma anche una grande scuola di vita.Ad maiora semper Paolo!                                                                            

Brigida Abate

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: