Home ARTICOLI Bucciano, riparte Park Ambiente
0

Bucciano, riparte Park Ambiente

0

ParkAmbiente riparte. Il parco per le disabilità è, ormai, pronto per entrare pienamente in funzione dopo la fase di predisposizione dell’area.
E’ la vita numero due del riferimento – ideato da Volontariato Sannio – che, per diversi anni, era stato operativo in zona San Donato di Airola.
Ora, quindi, il “re-start”. Con una lettera di Pasquale D’Angelo, Presidente di “Volontariato Sannio”, che partecipa tale momento alla collettività

Il gran giorno è arrivato. Oggi i ragazzi hanno collaudato il nuovissimo Parkambiente in Bucciano.
Entusiasmo alle stelle e incredulità hanno fatto da cornice dalle 15.00 alle 18.00 ai primi passi , alla scoperta delle novità presenti.
Il monumento ( cosi lo chiamano i ragazzi) sistemato all’ingresso a futura memoria del Maestro Grazidei Tripodi che fin dalla nascita del progetto ci ha sostenuti ed incoraggiati anche nei momenti più bui, quando tutto sembrava perduto ed il parco destinato all’oblio.
A due anni dalla scomparsa i ragazzi hanno ancora vivo il sorriso del Maestro ed hanno apprezzato moltissimo.
Dunque da domani Parkambiente è operativo.
Una lunga ed appassionata discussione sulle varie vicende che hanno caratterizzato il lungo percorso e finalmente trovato collocazione stabile nel cospicuo appezzamento di terreno (circa (8.000 metri quadri) concesso in comodato d’uso, dall’Amministrazione Comunale di Bucciano presieduta dal Sindaco Matera al quale va il più sincero ringraziamento anche per il supporto nell’esecuzione dei lavori.
Grazie alla fattiva collaborazione oggi Parkambiente è molto più funzionale per la presenza di bagni, assenti nella precedente location, per l’accesso facilitato e per la delocalizzazione nel centro abitato.
Piena soddisfazione per il risultato raggiunto, ma si pensa già al futuro.
Un parco idoneo a soddisfare le esigenze dei portatori di disagio con aree attrezzate che possiamo cosi descrivere.
All’ingresso ampia area di reception con spazio dedicato al Maestro Restauratore Graziadei; subito a sinistra il “Pensatoio” formato da uno scrittoio con sedia ancorati per permettere momenti di riflessione individuale; sulla destra troviamo delimitata dalla staccionatura l’ingresso per l’area destinata all’ippoterapia; seguendo il percorso un po’ decentrato l’area bagni; proseguendo sul decumano abbiamo il percorso aromatico-sensoriale per i non vedenti con cartellonistica in Braille; a seguire il percorso per sedie a rotelle; poi l’area giochi con due altalene di cui una per carrozzelle; in fondo ampio spazio per l’area pic-nic con tavolo esagonale capace di accogliere fino a 42 sedute (Coronavirus permettendo).
La peculiarità consiste nel fatto che in tutto il parco non ci sono altri tavoli ma soltanto delle panchine per godersi il favoloso panorama offerto dal maestoso Monte Taburno.
Proseguendo troviamo l’area scenica con un ampio palco e platea di circa
1200 metri quadri.
Dal 1 Luglio il parco è aperto al pubblico con orario affisso all’ingresso.
Invito le famiglie intere a visitare e vivere il parco, troveranno sempre un sorriso ad accoglierle.

Il parco è anche disponibile per le associazioni senza scopo di lucro che intendono organizzare eventi previa autorizzazione.
I volontari provvedono alla manutenzione e alla sorveglianza , per cui mi sento in dovere di sensibilizzare i cittadini che volontariamente sono disponibili a fornire un po’ di tempo libero anche poche ore al mese per poter garantire la massima efficienza della struttura.
In cambio riceveranno oltre all’attestazione di volontariato (utile per il credito scolastico), la gratitudine ed il sorriso dei ragazzi portatori di disagio.
Non guardiamo al passato alle incomprensioni agli errori commessi, ma diritto in avanti tenendo ben presente che ci sono persone confinate nelle mura domestiche che hanno bisogno di incontrare altre persone, interagire e scambiarsi un sorriso.
Senza ipocrisia ascoltiamo il grido di aiuto fatto col silenzio e non lasciamo che un tablet o un videogioco vada a colmare un vuoto, per lasciare chi ha bisogno nel limbo e appagare le nostre coscienze.
Parkambiente c’è, pronto per le famiglie, per le scuole per i cittadini per rendere la nostra una società civile e favorire l’integrazione sociale.

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: