1. Home
  2. ATTUALITA'
  3. Sant’Agata de’Goti, danni meteo: sarà chiesta la calamità naturale
0

Sant’Agata de’Goti, danni meteo: sarà chiesta la calamità naturale

Sant’Agata de’Goti, danni meteo: sarà chiesta la calamità naturale
0

Il Comune di Sant’Agata de’ Goti si attiva dopo la sferzata inferta dal maltempo durante lo scorso fine settimana.
Lo fa presente lo stesso Ente di Palazzo San Francesco attraverso una nota diramata sul proprio portale istituzionale. “Ancora difficoltà per le aziende agricole del territorio saticulano – esordisce il messaggio – Nella giornata di Sabato 24 Settembre forti venti e grandinate hanno colpito in particolare il territorio del Nord Isclero, nel Comune di SantAgata de Goti”. 
“Questo evento – sottolinea in particolare l’assessore alle Attività produttive e all’Agricoltura del Comune di Sant’Agata de’ Goti, Domenico Iannotta – va ad aggiungersi alle problematiche già affrontate dai produttori vitivinicoli a causa della peronospora e della siccità registrata nei mesi estivi. 
Questa volta però, oltre ai vitigni, sono stati colpiti fortemente anche gli uliveti; rami spezzati e frutti danneggiati è il bilancio della prima conta dei danni.
Pertanto – la conclusione dell’assessore – con nota di protocollo 14646 del 26 Settembre è stata richiesta ai competenti Organi la dichiarazione dello stato di calamità naturale per il territorio comunale santagatese irrimediabilmente danneggiato”.

LE PAROLE DI RICCIO

“Ancora una volta, questa Amministrazione – precisa invece il sindaco Salvatore Riccio – ha inteso portare all’attenzione della Regione Campania e del Ministero dell’Agricoltura le difficoltà riscontrate dalle aziende agricole del territorio.
Aziende con una lunga storia, che, in molti casi, vanno avanti da generazioni e dalle quali numerose famiglie traggono sostentamento”.
Come era stato raccontato nella edizione di ieri dalla nostra testata, nella giornata di Lunedì era giunto in visita nella limitrofa Durazzano l’assessore regionale della Campania Nicola Caputo che, dopo essersi recato presso alcune aziende, aveva anticipato di volere attivarsi proprio ai fini del riconoscimento dello stato di calamità funzionale al ristoro dei soggetti che hanno patito gli ingenti danni meteorologici.

sponsor
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: