1. Home
  2. Ambiente
  3. e
  4. Salute
  5. Gran tour del Partenio nord orientale.
0

Gran tour del Partenio nord orientale.

Gran tour del Partenio nord orientale.
0

Cicloverdi Fiab Napoli, Partenope in bici, Normanni Team ASD con il patrocinio dell’Ente Parco del Partenio ed il comune di Cervinara (AV)
organizzano la prima edizione del GRAN TOUR DEL PARTENIO NORD ORIENTALE.
IL GRAN TOUR DEL PARTENIO NORD ORIENTALE è uno dei più affascinanti itinerari ciclo escursionistici della Campania. Organizzato in forma di circuito, su asfalto, ma con tratti boschivi con fondo sconnesso, che lo rendono adatto soprattutto per mountain bike e gravel. Consente di attraversare i territori di Cervinara, San Martino Valle Caudina, Pannarano, Pietrastornina, Sant’Angelo a Scala, Summonte, Ospedaletto d’Alpinolo e Mercogliano.

Da Mercogliano due opzioni: per i più allenati la panoramicissima scalata che conduce al Santuario di Montevergine. Per coloro che volessero evitare i 500 metri di dislivello c’è, in alternativa, la possibilità di utilizzo dell’altrettanto affascinante e panoramicissima funicolare. Superata la parte più impegnativa dell’itinerario si transita per l’Oasi WWF “Montagna di Sopra” di Pannarano e per l’area verde attrezzata del Mafariello, sino a concludere l’itinerario, ad anello, a Cervinara
Oltre agli aspetti naturalistici numerosissimi gli elementi di interesse monumentale e geologico tra i quali, soprattutto nella parte iniziale, gli edifici realizzati in calcare e tufo grigio. Quest’ultimo estratto da depositi locali di un’enorme eruzione, dei Campi Flegrei, di ca 39.000 anni fa. Degni di rilevo anche i centri storici monumentali raggiungibili, con limitate deviazioni, come nel caso del Palazzo Marchesale di Cervinara, del Palazzo Ducale di San Martino Valle Caudina e della Torre di Summonte. Da sottolineare, infine, la possibilità d’acquisto di numerose produzioni tipiche lungo il percorso, anche qui con minime deviazioni, come nel caso del liquori e dei distillati di Montevergine e dei torroni e delle castagne del Prete di Ospedaletto d’Alpinolo
INFO CICLISTICHE
Raduno da CERVINARA alle 8:30 , partenza ore 9:00
Borgo pirozza ” vicolo dei tartufai” Cervinara (AV), dove ci verrà offerta la prima colazione.
https://www.google.it/…/@41.0231961,14…/data=!3m1!1e3
Dalla Valle Caudina, si procede per la panoramica strada provinciale pedemontana verso Avellino…pochissimo traffico, quasi una ciclabile….
Attraverseremo i territori di San Martino Valle Caudina e Pannarano, per poi salire a Roccabascerana. Qui fiancheggiamo il tiglio risalente al 1799 (piantato in onore dei moti rivoluzionari napoletani), per poi toccare Pietrastornina, il cui nome evoca l’enorme masso posto all’ingresso.
Su un tappeto di foglie e ricci di castagne proseguiamo attraverso i bei borghi di Sant’Angelo a Scala, Summonte e Ospedaletto d’Alpinolo,
Qui ci sono 2 opzioni, per i più allenati e temerari ci si inerpica lungo i 12 km della panoramicissima salita che conduce al Santuario di Montevergine.
Invece chi vuole risparmiarsi 500 metri di dislivello circa prenderà la funicolare a Mercogliano.
I due gruppi si uniranno al santuario di Montevergine.
Dopo il santuario si affronta la ripida salita che ci porta verso l’ex base NATO…da lì poi tutto è in discesa o quasi, nel silenzio della foresta di faggi illuminata dai magnifici colori gialli e rossi dell’autunno.
All’Oasi #WWF, dopo esserci dissetati alla copiosa fontana, potremo incontrare il bravissimo gestore, Costantino Tedeschi. che cucinerà per noi qualcosa di caldo.
Noi proseguiamo per la ripida discesa dove, facendo attenzione a mantenere la sinistra dopo le sbarre finali di accesso, troviamo un’altra fontana – è la Carlangiona (da Carlo d’Angiò, che nel 1266 – aprendo una nuova strada attraverso il Partenio – riuscì a cogliere di sorpresa Manfredi in quella che fu la battaglia di Benevento) – per poi reincontrare le coltivazioni di castagno, antica risorsa dell’area.
Superata l’area picnic del Mafariello, gestita dagli amici della Cooperativa Agroforestale San Giorgio, e mantenendo la sinistra al bivio, chi se la sente può poi provare, con attenzione, l’ebbrezza della velocità nella ripidissima discesa finale, con pendenze sino oltre il 20%, già più volte teatro estivo di cronoscalate “estreme” inserite nel trofeo ciclistico scalatori della Campania…
Evento di difficoltà elevata.
Tipo di bici: il percorso è prevalentemente su strade asfaltare, ma ci sono alcuni tratti in cui la strada è dissestata e ci sono delle discese piuttosto ripide, “si può fare anche in bdc” SCENDENDO dei punti più impervi ma consigliamo cmq mtb o gravel – ebike con buona batteria.
Controllate prima di venire che i freni siano in ordine a causa delle forti pendenze anche in discesa.
MAPPA
https://www.komoot.com/it-it/tour/955522348
Video dell’edizione esplorativa di novembre 2023
https://www.youtube.com/watch?v=Cgd6PY-ymm4&t=68s
Seguiranno ulteriori informazioni

sponsor
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: