1. Home
  2. CRONACA
  3. Bucciano, due medici a Giudizio per la morte di Ruggiero
0

Bucciano, due medici a Giudizio per la morte di Ruggiero

Bucciano, due medici a Giudizio per la morte di Ruggiero
0
0

Due chirurghi sono stati rinviati a giudizio in relazione alla morte di Sabatino “Tinuccio” Ruggiero, al momento della morte vicesindaco di Bucciano.
Si tratta di due medici del Sant’Andrea di Roma.
I fatti risalgono al 25 Maggio 2020.
Ruggiero, padre di due figlie, si era sottoposto presso la struttura romana ad un intervento chirurgico all’addome, pare per la rimozione di una massa.
Durante l’intervento, tuttavia, si sarebbe avuta la recisione dell’aorta addominale con conseguente emorragia e morte del paziente.
Appena 54 anni, “Tinuccio”, come affettuosamente chiamato dai suoi concittadini, era stato da circa un anno e mezzo confermato quale amministratore di maggioranza del Comune di Bucciano – sempre al fianco dell’amico Domenico Matera – con un riscontro elettorale che, come sempre, era stato importante.

TINUCCIO MORÌ DURANTE INTERVENTO CHIRURGICO

Imprenditore del pane, il buccianese era così morto in modo alquanto improvviso, lasciando nello sgomento i colleghi consiglieri e la Comunità tutta.
Quindi si era avuto l’avvio dell’iter indagatorio con una prima autopsia eseguita internamente dal Sant’Andrea e la successiva di rango giudiziario che avevano accertato, come prima detto, la presenza di una resezione dell’importante vaso con il conseguente decesso legato a shock emorragico.
A seguire, alla luce di queste evidenze, era venuta la richiesta di rinvio a giudizio accolta – ora – dal Gup del Tribunale di Roma.
A fronte dei due professionisti che si dicono, tuttavia, esenti da colpe, escono contestualmente dall’inchiesta ulteriore quattro sanitari i quali, secondo il riscontro dei Magistrati, non sarebbero investiti da responsabilità.
Il vero e proprio processo, tuttavia, non avrà un principio immediato: la prima udienza risulta fissata il 18 Ottobre 2023.

sponsor
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: