1. Home
  2. ATTUALITA'
  3. Airola, Istituto Lombardi: Mazzafaro incontra gli studenti
0

Airola, Istituto Lombardi: Mazzafaro incontra gli studenti

Airola, Istituto Lombardi: Mazzafaro incontra gli studenti
0
0

Nota stampa Istituto di Istruzione Superiore Lombardi

Cari giovani, più che lamentarvi di quello che non avete o non riuscite a fare, abbiate il coraggio di contestare il mondo brutto che gli adulti vi stanno lasciando. Avete diritto ad un mondo migliore e dovete pretenderlo. Prendete in mano la vostra vita“.
Con queste parole S.E. Giuseppe Mazzafaro, Vescovo della Diocesi di Cerreto Sannita, Telese e Sant’Agata de’ Goti, si è rivolto agli studenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore “A. Lombardi” presenti nel Teatro comunale di Airola, che lo hanno ascoltato con attenzione e grande partecipazione. Promosso dalla stessa Diocesi come momento di ascolto e dialogo con la Chiesa in cammino sulle orme del Sinodo, l’incontro con i giovani ha vissuto momenti diversi.
Il Vescovo è stato accolto in sala col canto “When the Saints go marching in” e subito dopo è stata la Dirigente scolastica Maria Pirozzi a dare il saluto di benvenuto a lui e ai suoi sacerdoti. Poi la parola è passata agli stessi studenti che, dopo aver illustrato l’articolata e complessa struttura dell’Istituto Lombardi, con tutti i suoi indirizzi di studio, hanno condiviso con l’illustre ospite il lavoro di ricerca svolto in queste settimane, guidati dai docenti di religione.
Citando Galileo Galilei, Alberto Moravia e Vassilj Kandinski, i ragazzi hanno introdotto i temi dell’incontro, suscitando l’ammirazione e il plauso del loro Vescovo, il quale facendo eco alle loro parole ha spiegato le ragioni della sua visita.
Noi siamo qui oggi, cari ragazzi – ha detto – non per parlare a voi ma per dialogare con voi. Ma prima di tutto siamo qui per ascoltarvi, perché è dall’ascolto che nasce il dialogo. Essere Chiesa oggi significa innanzitutto camminare insieme”.

GUERRA, “LA CHIESA NON STA DALLA PARTE DI NESSUNO”


Su queste basi si è poi sviluppato il dialogo.
Tante e importanti le domande e le riflessioni che gli studenti hanno rivolto a monsignor Mazzafaro: dalla sua vocazione alla posizione della Chiesa su alcuni cruciali questioni, come l’eutanasia e l’omosessualità. Inevitabile la domanda sulla guerra.
Profonda la risposta “La Chiesa non sta dalla parte di nessuno.
Il suo nemico non è questo o quello, ma la guerra in se stessa. La guerra, come ogni forma di violenza, è un’offesa alla vita.
E la Chiesa difende la vita, qualunque vita, in ogni modo e in ogni circostanza”.

Particolarmente toccante è stata la risposta che S.E. ha dato ad una studentessa che gli aveva posto una domanda sull’efficacia della preghiera solitaria.
Non è sbagliato pregare da soli, ha detto. Ma se pregare vuol dire chiedere qualcosa a qualcuno, perché non dare a Dio la possibilità di rispondere?
Se è un vostro diritto chiedere, è un diritto di Dio rispondere.

“OCCASIONE IMPORTANTE PER TORNARE A RIFLETTERE SUL SENSO DELLA VITA”

E Dio parla. In che modo sta a voi scoprirlo”.
L’incontro, che si è rivelato un proficuo momento di riflessione sulla bellezza interiore, sul vero valore della Chiesa che sta nell’accoglienza delle necessità del prossimo e, come lo ha definito la Dirigente Scolastica, un’occasione importante per tornare a riflettere sul senso della vita, si è concluso con il canto “We are the world” intonato dagli alunni del Liceo musicale insieme a tutti i presenti, preceduto da uno scambio di doni.
Sua Eccellenza ha particolarmente gradito i Paramenti sacri, realizzati appositamente per lui dalle alunne della classe quarta dell’indirizzo Moda e dai quadri realizzati da alunni speciali coinvolti dai docenti di Arte.
Ci sarà sicuramente un seguito a questo incontro, perché è volontà della Diocesi costituire un tavolo di dialogo con gli studenti dei vari Istituti scolastici presenti sul territorio con l’intento di stipulare un “Patto per la Pace” per ascoltare e formare le nuove generazioni.

sponsor
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: