1. Home
  2. ATTUALITA'
  3. Airola. La proloco per il rifugio Cuori Randagi. Raccolti 400 euro
0

Airola. La proloco per il rifugio Cuori Randagi. Raccolti 400 euro

Airola. La proloco per il rifugio Cuori Randagi. Raccolti 400 euro
0
0

“La proloco – ci riferisce il Preside Franco Napoletano – ha raccolto 400 euro per il rifugio ‘Cuori Randagi’ di Airola, che conta ad oggi, 150 cani che vengono adottati da tutta Italia. Si tratta di cani che hanno vissuto il trauma dello smarrimento, dell’abbandono o del prelievo dal territorio di appartenenza nel caso dei randagi propriamente detti. Bisogna sostenere chi se ne prende cura, perché in questo fenomeno, convergono sicurezza, igiene, decoro pubblico, e i sacrosanti diritti degli animali”. La Presidente di ‘Cuori Randagi’, Lina Viscariello, si è espressa, a tal proposito, con un appello, “Siamo un piccolo gruppo di volontari, CUORI RANDAGI il nome della nostra associazione e da anni recuperiamo e salviamo tante creature indifese, nate in strada o provenienti da situazioni difficili. Con le nostre forze e finanze, insieme all’aiuto di chi crede in noi e ci sostiene, abbiamo continuato la nostra missione in un rifugio già esistente. Certo non è un hotel a 5 stelle, quando piove troppo il fango invade i recinti, e in inverno è freddino, ma è pur sempre un posto sicuro, protetti dalle intemperie, pasti e cure assicurati per tutti fino alla loro adozione e senza minacce di chi non ama la loro presenza. Abbiamo operato in oltre 20 anni in questo modo ma con la consapevolezza che tutto questo un giorno poteva finire e che questo “posto sicuro” l’avremmo dovuto lasciare. Quando c’è stato chiesto di farlo l’ansia, la paura e le notti insonni hanno preso il sopravvento,il pensiero di tradirli, di ributtarli in strada al loro destino dopo tutto quello che è stato fatto per loro è una sensazione che non si può spiegare, guardarli negli occhi e dir loro che non c’è più niente da fare è una cosa inimmaginabile. Alcuni sono anziani,malati, come si può pensare di rimetterli in strada? Ma noi non ci siamo arresi e dopo tanta paura e il cuore a pezzi, uno spiraglio di luce è apparso. La possibilità di acquistare un terreno adatto, di poterli dare ancora una chance esiste ma da soli, non potremmo mai farcela. L’acquisto del terreno, delle recinzioni, dei box, l’acqua oltre alle già costanti spese del loro mantenimento è troppo per noi. Quindi siamo qui ora, senza ormai più lacrime a chiedervi di aiutarci a salvarli. In strada, molti di loro, non avrebbero nessuna possibilità e nel nostro racconto, non c’è nulla di esagerato o montato per pietà. Questa è la triste realtà che speriamo un giorno, possa essere solo un brutto ricordo. Aiutateci a realizzare il nostro sogno ma più che nostro, il loro! Un rifugio accogliente, sicuro dove possiamo continuare a curare i nostri cani e tanti altri che purtroppo sono ancora in strada. Ogni piccola donazione, ogni condivisione, ogni canale possibile per ricevere fondi è la loro unica fonte di salvezza. Non lasciateci soli. Uniamoci per un futuro migliore di questi pelosi, di questi cuori randagi! Vorremmo organizzare lotterie,eventi nelle città di tutta Italia per raccogliere fondi e acquistare il materiale necessario. Abbiamo bisogno inoltre di volontari, i cani sono tanti e anche se siamo un gruppo che fa di tutto per loro, abbiamo anche le nostre vite private e lavori, quando siamo fortunati, riusciamo a essere presenti solo in 2. Abbiamo bisogno di forza fisica, di persone di buon cuore che li amano e che possano dedicare loro qualche ora. Per noi e per loro è importante. Ogni idea, ogni collaborazione ogni donazione, ogni cosa possa servire, ci darà speranza!”

sponsor
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: