1. Home
  2. POLITICA
  3. Sant’Agata, l’opposizione “Se questa è Città Nuova…”
0

Sant’Agata, l’opposizione “Se questa è Città Nuova…”

Sant’Agata, l’opposizione “Se questa è Città Nuova…”
0
0

“In dieci mesi di questa ‘nuova’ Amministrazione si è consolidato un modus operandi della maggioranza alquanto insolito, poco presente sul territorio, ma soprattutto, in molti casi lesivo delle prerogative delle Istituzioni rappresentative della volontà popolare nei luoghi deputati e manchevole di rispetto per le Istituzioni”.
Così, con nota congiunta, i gruppi consiliari di opposizione di Palazzo San Francesco di Sant’Agata de’ Goti, “Pd”e “Dei Goti”.
“Nei primi sei mesi – espongono – abbiamo lanciato gridi di protesta, abbiamo evidenziato le continue mortificazioni subite delle funzioni e dei ruoli che siamo chiamati a svolgere, abbiamo denunciato, nelle opportune sedi, i gravi comportamenti che si stavano consolidando.
Purtroppo, nulla è cambiato – rappresentano gli esponenti della minoranza – se non, negli ultimi quattro mesi, il nostro approccio volto verso la speranza che le battaglie fatte nei primi sei mesi fossero servite, per questa maggioranza, a cambiare la rotta e ad incanalarsi lungo la strada del rispetto delle regole, delle norme, del confronto democratico e della sostanza che non possono essere violate per nessuna ragione.
Ma ciò non è stato!
Siamo alle solite!
Purtroppo, ancora una volta siamo costretti a denunciare comportamenti gravi.
Nell’ultimo Consiglio comunale del 30 giugno, la maggioranza consiliare ha approvato i regolamenti e le delibere 35 e 36 privi del parere del revisore dei conti che riteniamo necessario visto che espongono l’Ente all’impiego di risorse finanziarie. Abbiamo fatto presente in Consiglio tale problematica, chiedendo un rinvio dei punti oggetto di deliberazione al fine di acquisire i preventivi pareri contabili, che ci avrebbero consentito anche di votare favorevolmente le proposte che riteniamo meritevoli.
Ma niente da fare, hanno pubblicato le delibere e i regolamenti senza nessun parere contabile.
Per cambiare questo reiterato e superficiale modus operandi – la chiusura di Pd e Dei Goti – che potrebbe arrecare danni all’Ente comunale, non ci è rimasto altro che appellarci al revisore dei conti e alle Autorità preposte a tali controlli.
Se questa è Città Nuova…”

sponsor
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: