Home ARTICOLI San Martino. La nota del circolo PD sull’incontro politico di oggi.
0

San Martino. La nota del circolo PD sull’incontro politico di oggi.

0

Il circolo Pd “M. Vellotti” di San Martino Valle Caudina, pur apprezzando l’organizzazione di un incontro in streaming promosso dall’amministrazione comunale per discutere del futuro del nostro paese, ha deciso di non partecipare direttamente ai lavori,  e di affidare le proprie osservazioni al seguente documento politico.

Prendiamo atto dell’iniziativa politica da parte della maggioranza consiliare, ma ci permettiamo di avere qualche riserva sulle modalità organizzative. Innanzitutto riteniamo che una discussione programmatica tra forze politiche e associazioni vada fatta non nella sede, istituzionale, del consiglio comunale, bensì nelle sedi dei partiti e delle associazioni. In secondo luogo, ci lascia perplessi il fatto che a “convocarci” sia stata la cosiddetta “maggioranza consiliare” e non i partiti o le forze politiche che la compongono. Per noi la maggioranza consiliare sostiene la giunta e il sindaco in carica, mentre noialtri, forze di opposizione, svolgiamo il ruolo assegnatoci dalla cittadinanza, ovvero il controllo, la vigilanza e la controproposta rispetto a chi, pur legittimamente, amministra.

Ci saremmo aspettati una “chiamata” al confronto da parte delle forze politiche e non dei consiglieri comunali e del sindaco.

Noi siamo molto rispettosi dei ruoli, è questo, secondo noi, il nocciolo della questione, quello dei ruoli, appunto. Noi rivendichiamo con forza il nostro, quello di opposizione, come dicevamo. E nell’esercizio di esso confermiamo fermamente, così come fatto negli ultimi quattro anni attraverso la nostra attività sul territorio, il giudizio totalmente negativo sull’operato, egregi signor sindaco, assessori e consiglieri di maggioranza, della vostra amministrazione.

Molti sono i provvedimenti, o piuttosto i non provvedimenti, che sostanziano la nostra posizione critica: gestione del patrimonio comunale, soprattutto l’area “attrezzata” di Mafariello, viabilità e piano traffico, pianta organica comunale, urbanistica, politiche per il commercio e le piccole imprese, politiche per l’istruzione e la cultura (biblioteca comunale), politiche per le periferie, igiene urbana.

Discorso a parte meritano le opere pubbliche e la gestione delle due emergenze capitate, ahinoi, tra il 2019 e il 2020, ovvero l’alluvione e covid 19

Sulle opere pubbliche abbiamo più volte denunciato l’assoluta mancanza di programmazione da parte vostra, nonché il fatto di aver ottenuto soltanto qualche sporadico finanziamento dagli enti sovracomunali, mentre gran parte delle opere pubbliche in essere o in procinto di essere avviate è frutto della progettazione della giunta precedente, quella che nel 2016 andava “abbattuta”, mentre chi la rappresenta oggi viene invitato a collaborare. Così non ci stiamo, cari amministratori! Non ci siamo proprio, se prima eravamo gli untori, oggi non siamo gli ingenui di turno.

Tornando al discorso di cui innanzi, anche la gestione del post alluvione e del covid non ci hanno convinto, per approssimazione, superficialità, “leggerezza” e mancanza di trasparenza, pur ribadendo di non aver fatto mancare il nostro supporto, nei limiti delle nostre possibilità, al sindaco e alla giunta.

Per tutte queste ragioni, noi del pd facciamo sentire la nostra voce solo attraverso il documento in oggetto e tramite le osservazioni dei nostri consiglieri comunali.

Tuttavia, non ci sottraiamo al confronto, con nessuna forza politica o associazione, purchè avvenga nelle sedi e nei modi opportunamente individuati.

Nelle prossime settimane definiremo anche noi le nostre proposte programmatiche per i prossimi cinque anni e le sottoporremo all’attenzione della cittadinanza, delle associazioni, dell’elettorato.

Rivolgiamo, quindi un invito, non alla maggioranza consiliare, ma alle forze politiche o gruppi che la sostengono; noi siamo in campo, determinati più che mai, non per dare “ossigeno” alla giunta in carica, bensì per progettare il quinquennio 2021/2026 e siamo pronti a discutere e a confrontarci con chiunque lo riterrà opportuno, per costruire la prossima amministrazione, non per dare continuità a questa che è a fine mandato.  

Il circolo

Il gruppo consiliare

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: