Home ARTICOLI Randagismo, Pannarano: opposizione accende i riflettori
0

Randagismo, Pannarano: opposizione accende i riflettori

0

nota minoranza consiliare Pannarano

Torniamo per l’ennesima volta su un problema divenuto insostenibile: il randagismo. Negli ultimi mesi abbiamo assistito a tanti episodi di aggressioni di cani randagi ai passanti. Episodi avvenuti sia nel centro che nelle aree più periferiche. Un serio pericolo per la pubblica incolumità e che mette a serio rischio la serenità e sicurezza dei cittadini. Da amanti dei cani, riteniamo che, questa, sia divenuta una situazione insostenibile. I cani che vagano nelle vie del centro tra Piazza VII Sett., Via Municipio e Via Indipendenza ormai non si contano più. Come spesso abbiamo già rilevato, e non smetteremo mai di farlo, è solo grazie all’opera di volontari che tanti di questi cani riescono a trovare cure e cibo. Attività, quella dei volontari, utilissima a limitare l’aggressività degli animali, ma che da sola non basta. I numeri sono in costante crescita e l’Amministrazione non mette in campo alcuna iniziativa, attività o programma per fare una ricognizione della reale situazione, adottare un programma di sterilizzazione e avviare una campagna di adozione per limitare il numero dei cani vaganti sull’intero territorio. Non basta una sola giornata di sterilizzazione che è stata più uno spot pubblicitario che una concreta iniziativa. La prevenzione del fenomeno dovrebbe essere perno principale di un programma molto più ampio per combattere il fenomeno. I canili dovrebbero essere l’estrema “ratio” per casi limite. Canili che hanno un costo molto cospicuo per le tasche di noi cittadini e che oltre a costituire un aggravio economico è, da più parti, dimostrato che, da soli, non risolvono il problema. Come vedete utilizziamo il condizionale perché la nostra è solo una riflessione, un “pour parler, perché sul punto l’Amministrazione Pacca latita, fa finta di non vedere. Immobilismo come sempre. Non si muove nulla sul punto e non c’è da stare tranquilli visto che, in questo caso, “can che abbaia… morde“.

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: