Home ARTICOLI Pannarano, opposizione “Tari, aumenti per 11.000 euro!”
0

Pannarano, opposizione “Tari, aumenti per 11.000 euro!”

0

nota Cittadinanza attiva Pannarano

Nell’ultimo Consiglio Comunale del 13.07.2020, la maggioranza ha approvato il nuovo Piano Tariffario Tari (Tassa rifiuti) prevedendo un aumento del costo complessivo pari ad € 11.000.
Era da ben cinque anni che non si vedeva un aumento della Tassa Rifiuti a Pannarano. Viene pertanto interrotto un trend di riduzione iniziato, appunto, nel 2014. Infatti, il costo complessivo del servizio di raccolta e gestione rifiuti negli anni è stato così determinato:

  • Anno 2014 costo complessivo € 234.465,00
  • Anno 2015 costo complessivo € 233.010,59
  • Anno 2016 costo complessivo € 219.156,71
  • Anno 2017 costo complessivo € 219.037,00
  • Anno 2018 costo complessivo € 200.259,50
  • Ed ora anno 2019 costo complessivo € 211.101,28

Come possiamo vedere dal 2014 al 2018 si era riusciti ad ottenere una riduzione di circa 34 mila euro, i quali si sono tradotti in un risparmio in bolletta medio oscillante tra i 40 e i 60 € per famiglia. Questo trend di riduzione viene ora interrotto dall’Amministrazione Pacca. Il Sindaco ammette che gli 11 mila euro in più, rispetto allo scorso anno, sono diretta conseguenza dell’aumento della “tariffa provinciale” di smaltimento, a seguito dell’incendio dello Stir di Casalduni e di una conseguente crisi del ciclo di gestione dei rifiuti in Provincia di Benevento. Per onestà intellettuale questa è una giustificazione corrispondente a verità.
Questo aumento, dovuto alla tariffa provinciale, a nostro parere, però, si sarebbe potuto evitare, o comunque limitare, grazie al risparmio ottenuto se si fosse prodotta una maggiore percentuale di raccolta differenziata. Chiariamo che tanto maggiore è la raccolta differenziata tanto minore risultano i costi di smaltimento. Sebbene la nostra comunità, negli anni, si è sempre distinta in tal senso, quest’anno il tanto sperato aumento della percentuale di differenziata, a quanto pare, non c’è stato. Quindi, ancora una volta, siamo di fronte ad una responsabilità politica dell’Amministrazione Pacca, seppur con le attenuanti del caso. In questo loro primo anno potevano essere avviate maggiori attività di sensibilizzazione e controllo, ridurre il conferimento dell’umido riprendendo l’iniziativa del compostaggio domestico o di comunità, incentivando il minor uso della plastica anche per ragioni di impatto ambientale. Ma di tutto questo, in 13 mesi, non vi è stata traccia. A Pannarano la raccolta rifiuti è una delle poche cose funzionanti e che può vantare tariffe ridotte, pertanto, fare peggio era veramente difficile…

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: