Home ARTICOLI Airola. M5S: ancora nessuna risposta sulla bretella
0

Airola. M5S: ancora nessuna risposta sulla bretella

0

A seguito di un’interrogazione del M5S presentata il 27 aprile 2020, via email certificata, al sindaco del comune di Airola, Michele Napoletano, relativamente all’apertura della bretella di collegamento tra Via Largo Capone e via Marcello Amoriello, ad oggi constatiamo che dopo 60 giorni non c’è ancora stata una risposta, nonostante l’art 24 comma 3 del regolamento comunale lo imponga (di seguito la norma citata: “Ad esse va data risposta scritta nei cinque giorni successivi. Quando la ricerca delle notizie richieste sia particolarmente complessa la risposta seguirà dopo dieci giorni, previa comunicazione tempestiva della circostanza”), commettendo quindi un’omissione d’atti d’ufficio (legge 241/90). Nell’interrogazione si chiedeva all’amministrazione di chiarire come mai nell’area indicata, non sia mai stata realizzata una strada di collegamento così come previsto dal piano regolatore. Un’inerzia inspiegabile se si considera che nella stessa area sono state rilasciate diverse concessioni edilizie, come quella che ha consentito la realizzazione del Parco Serao. Proprio quest’opera fu realizzata in vista della costruzione di quella strada.

Riavvolgendo brevemente il nastro, ricordiamo che nel 1981 con un atto di convenzione firmato dall’allora sindaco Pasquale Moscato e l’allora amministratore unico della Delfa costruzioni Antonio Falzarano, si stabilì che lo stesso si impegnava a realizzare un’area verde comunale e un parcheggio pubblico. Opere che furono portate a termine ma che il comune non ha mai rivendicato come area pubblica. Ecco perché oggi alcuni proprietari, senza averne il diritto, hanno chiuso quell’area con un muro di recinzione, impedendo alla comunità di fruire di quello spazio comune e impedendo non solo di realizzare la strada, ma creando ingorghi proprio nell’area prospiciente l’istituto superiore ‘Lombardi’, frequentato da moltissimi studenti.

Il comune avrebbe dovuto da tempo intervenire rivendicando l’area di sua proprietà e ordinando a quel privato di eliminare il muro di recinzione e restituire ciò che era stato occupato indebitamente. Sarebbe bastata un’ordinanza di ripristino dello stato dei luoghi e invece clamorosamente l’ente ha autorizzato a realizzare l’opera. Proprio alla luce di quanto esposto, il portavoce del M5S Bartolomeo Laudando, in qualità di controllore politico amministrativo, chiede al sindaco e all’amministrazione come intendono sanare tutte le irregolarità perpetrate. Lo fa stavolta attraverso una diffida, in modo da ottenere una risposta entro 5 giorni, diversamente sarà costretto a presentare denuncia alla Procura della Repubblica.

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: