Home ARTICOLI “Cittadinanza attiva Pannarano”, c’è la questione suolo pubblico
0

“Cittadinanza attiva Pannarano”, c’è la questione suolo pubblico

0

nota gruppo consiliare di opposizione

Da oltre un mese siamo usciti dal lockdown. Con il “Decreto Rilancio” il governo ha posto una specifica deroga per la concessione dei suoli pubblici ai locali. Una misura, nelle intenzioni del Governo, di carattere sanitario più che economica.

Infatti, l’intento della concessione gratuita del suolo pubblico alle attività commerciali, come i bar, è proprio quella di evitare o limitare un afflusso notevole di persone nei locali chiusi, spesso di dimensioni ridotte, e che rischiano di essere ambienti che agevolano la diffusione del virus.

Come detto, quindi, una misura di carattere sanitario ma anche un modo per aiutare le attività commerciali a riprendere le attività e a non veder contratto il numero di clienti.

Pannarano è ricco di bar e circoli. Pochi di questi hanno spazi ampi al loro interno, e molti potrebbero beneficiare del suolo pubblico nelle vicini o antistanti piazzette. Avevamo già posto il problema in un articolo di qualche settimana fa.

Ribadiamo, pertanto, che grazie al decreto è stata prevista la concessione del suolo pubblico gratuito fino al 31 ottobre 2020. Inoltre, è concessa anche la possibilità di installare dehors, gazebo o chioschi senza alcuna autorizzazione, in deroga alla normativa vigente in normali condizioni.

Avevamo suggerito la redazione di un piano, che individui le aree destinate alle diverse attività, per non intralciare il traffico o ridurre le aree di parcheggio. Piano che avrebbe potuto redigere il comando di Vigili Urbani convenzionati. 

Insomma, inutile ripetere le medesime parole già scritte settimane fa. Cosa è accaduto nel frattempo? Nulla!

Non è una novità, lentezza che speriamo non sia immobilismo. Sembra quasi che la questione non voglia essere affrontata. Perchè non si organizza una riunione pubblica con i le attività per concordare la gestione degli spazi??

 Il Sindaco fa orecchie da mercante: meglio evitare la grana e discutere sicuramente con qualche gestore, meglio non farsi altri nemici. Non vorremmo che la soluzione adottata dagli amministratori sia il non decidere, far passare il tempo, tanto primo o poi si tornerà alla normalità e tutto sarà dimenticato.

Intanto a pagare la vostra lentezza sono la serenità dei cittadini e le attività commerciali

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: