Home ARTICOLI Sant’Agata, ora i Covid+ sono tre
0

Sant’Agata, ora i Covid+ sono tre

0

I casi attualmente positivi da Covid, a Sant’Agata de’ Goti, sono in numero di tre. Questo quanto riferisce bollettino diramato dall’Ente comunale. I dati, tuttavia, vanno interpretati perchè il bollettino stesso non specifica se e quanti sono i soggetti originariamente positivi ma guariti.

Come da nostre informazioni, in ogni caso, rispetto al novero di soggetti originariamente contagiati (ovvero il medico in servizio presso ospedale di Napoli, l’infermiera di Villa Margherita, una donna straniera residente nel Nord Isclero e l’operatore sanitario di Restinola), vi sarebbero state due guarigioni essendo gli stessi risultati negativi a due tamponi faringei di riscontro consecutivi.

Alle questioni già note, tuttavia, si sarebbe aggiunta una nuova situazione, divenuta ufficiale, a quanto pare, un paio di giorni addietro.
E che sarebbe relativa ad un ulteriore operatore sanitario in servizio presso l’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta.
Presso il nosocomio in questione, infatti, si è sviluppato un piccolo focolaio, in particolar modo nell’area del Pronto soccorso. Dove, con evidenza che appare chiara, un paziente in entrata non avrebbe trovato la necessaria “barriera” precauzionale infettando più di un dipendente.

Ma si diceva del santagatese che, sottoposto a test veloce e risultato positivo, avrebbe trovato conferma anche nel naso-faringeo.
Gli accertamenti in questione, è da dire, sarebbero stati effettuati di prassi tant’è che il saticulano sarebbe del tutto asintomatico.
Tutto questo quanto si coglie in via informale dal momento che non sembrerebbe, condizionale d’obbligo, essere venuta ancora comunicazione ufficiale, in tal senso, da Palazzo San Francesco.
L’uomo, tuttavia, si sarebbe posto, già da numerose settimane, in una sorta di isolamento rispetto ai restanti componenti della famiglia proprio al fine di tutelare gli stessi considerando la particolare esposizione legata alla sua attività lavorativa.
Non sussiste, quindi, alcuna preoccupazione, in paese, rispetto ad una possibile ulteriore propagazione. Comportamenti di alta civiltà e di responsabilità, come in tal caso, dimostrano, anche nel malaugurato caso di contagio, come la situazione possa essere gestita con massima tranquillità

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: