Home ARTICOLI Cervinara. Non tutti riapriranno: siamo abituati a sorrisi, storie, amicizie…
0

Cervinara. Non tutti riapriranno: siamo abituati a sorrisi, storie, amicizie…

0

Dal 27 Aprile sarà possibile per Bar, Pizzerie e Pub riaprire in modalità consegna a domicilio. Ma non tutti rialzeranno le saracinesche. Colpa delle regole restrittive e degli adeguamenti di sicurezza che, visto anche i tempi brevi e molte volte la difficoltà di reperire i DPI, hanno portato a rinunciare questa possibilità “offerta” dal decreto della regione.
Per non parlare dei costi. Un decreto che per qualcuno sembra una presa in giro e non una reale opportunità di ripresa.
Abbiamo raccolto alcune testimonianze che riportiamo di seguito.

L’Antica Trattoria Da 41:
La Trattoria da 41 avvisa la gentile clientela che non riaprirà in formula delivery…
Siamo abituati a sorrisi, storie, amicizie, piatti e rapporti umani… 
Ci stanno chiedendo di andare contro a ciò che siamo. 
Ripartiremo più forti di prima, è una promessa a voi, è a noi stessi.


Dello stesso avviso il centralissimo Caffè Trescine, unico locale a Cervinara aperto 24/24:

Ritornerà quella fortuna e bacerò anche la luna e tu ❤️
Carissimi nostri clienti purtroppo siamo costretti a stringere i denti ancora un po’.
In base alle nuove direttive ci vediamo costretti a restare chiusi fin quando non saremo garantiti, noi, voi e i nostri dipendenti da un lavoro costante, continuo e in sicurezza.
Il decreto prevede dal 27 una riapertura a step, con un orario insostenibile, e regole alquanto discutibili.
Nessuno potrebbe sostare, sedersi davanti al bar, non ci sarebbe consentito l’asporto che di per sé già sarebbe stato super restrittivo ma solo la consegna a domicilio.
La nostra attività sopravvive di assembramenti, noi viviamo con piccole ma continue sommette quale può essere un caffè, una colazione, un panino, una bibita.
Rimettere in moto la costosa ed esosa, in consumi, attrezzatura per dover aspettare la chiamata, avviarsi a trasportare quanto richiesto, ci porterebbe a non riuscire a dare un buon servizio e soprattutto a presentarvi ciò a cui teniamo di più : UN CAFFÈ DEGNO DI ESSERE CHIAMATO TALE, in tazza, bollente e cremoso e soprattutto servito tra una chiacchierata e un sorriso.
Il caffè trescine è provato come milleuno piccole e medie attività di settore in questo periodo,ma torneremo e non molleremo mai.

Vi ringraziamo tutti, aspettateci e soprattutto riguardatevi, a presto 

Per Antonio Casale titolare del Mammarè : troppe prescrizioni di fatto scoraggiano ed impediscono la riapertura. Per essere in regola ed operare fino al 3 maggio, con chiusura il primo maggio, dovrei sanificare gli ambienti ogni giorno, sottoporre a visita ogni dipendente, vestirli in tenuta da chirurgo….. così impacchettati, infornare e partire per la consegna. Il tutto in 2 ore reali. Decisamente troppo. Rispetto a tanto però non riesco a comprendere il perché di tanta rigidità solo per questo settore, mentre per altre attività consentite, che ricevono fiumi di clienti tutti i giorni all’interno di botteghe di varia natura, sono state prescritte solo mascherina e guanti. Se queste misure ad oggi mi sono sembrate giuste e necessarie per la tutela della salute, non capisco perché non si siano adottati gli stessi criteri anche per la ristorazione, così da consentirne la ripartenza. Credo sia meglio aspettare ancora qualche giorno, attendere che il contagio venga mitigato, adeguarci alla norma e poi con maggiore serenità accogliere i clienti nei nostri ampi spazi all’aperto.

Per i titolari del Bar Dante in piazza Elena:
Non ci sono le condizioni per poterlo fare. Al di là dell’ordinanza che prima o poi si dovrà pur affrontare, ma con più ore a disposizione, manca l’essenziale cioè il CLIENTE. La sanificazione, disinfettante ecc. saranno elementi importantissimi per la tutela dei clienti e dei gestori ma preferiamo aprire con la possibilità, anche se comunque minima, di un contatto più ravvicinato verso il cliente anche se distanziati ma con meno timore. Siamo consapevoli del fatto che va fatto un passo volta ma per adesso lasciamo la porta chiusa.

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: