Home ARTICOLI Cervinara. Incendio in casa del tenore Pisaniello. “Salvo per miracolo”.
0

Cervinara. Incendio in casa del tenore Pisaniello. “Salvo per miracolo”.

0

Un brutto risveglio per l’Artista cervinarese Nicola Pisaniello. Ieri sera, aveva finito di studiare nel suo appartamento al terzo piano e nulla lasciava presagire a quello che poi è successo.
Questa mattina, infatti, è stato risvegliato alle 06:20 dalle urla delle signore che collaborano perché hanno visto le fiamme che partivano proprio dalla sala di studio del maestro.
Ecco come racconta l’accaduto il Maestro che coraggiosamente si è lanciato nelle fiamme:

“La luce elettrica non era più attiva quando mi sono lanciato nel fumo nero della sala ove il prezioso pianoforte verticale altro non era che un rogo impazzito che già si appropriava delle tende in seta… i vetri scoppianti facevano da coro infernale al triste scenario… per fortuna erano poggiati a terra dei secchi di acqua già pronti per le pulizie del giorno che da subito sono stati riversati sulle fiamme che a mano a mano perdevano poi forza….”

Sono arrivati poi i vigili del fuoco che hanno provveduto a far sgombrare i pericolosi vetri e gli oggetti  salvabili… purtroppo sono andati in fiamme antichi quadri della collezione del maestro, cornici con foto e a questo si unisce il dolore per il magnifico pianoforte che appartiene ai 15 altri della collezione presente nel palazzo del Maestro.

La paura è stata tanta ma tutti sono salvi, la fortuna e che comunque in tempo ci si è accorti di quanto stava accadendo e il Maestro ha avuto l’astuzia ed il coraggio di trattenere il respiro per qualche minuto per circoscrivere le fiamme.

Pisaniello ci ha parlato poi delle cause che avrebbero alimentato l’incendio:

“In un primo momento si era pensato a un esagerato sfogo delle canne fumarie ma smentito poi dai costruttori perché le canne sono in acciaio.
Pare che si sia trattato di un corto circuito che ha dato fuoco all’antica Savonarola tra il pianoforte e le tende”.
Il danno riportato ammonterebbe, dalle prime valutazioni del Maestro, a circa 40 mila euro ma resta ancora da accertare l’integrità dei cristalli e gli antichi vasi.

Dopo lo sbandamento iniziale ed il dispiacere per gli oggetti di valore danneggiati ciò che conta, continua Pisaniello, è che le  vite umane abbiano scampato una sciagura che avrebbe potuto realizzare il peggio…

il pianoforte distrutto dalle fiamme
sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: