Home ARTICOLI Mancato funzionamento riscaldamenti scuola Sant’Anna, ciclico disagio
0

Mancato funzionamento riscaldamenti scuola Sant’Anna, ciclico disagio

0

Sant’Agata de’ Goti.
Il “Movimento civico Insieme si cambia” informa la cittadinanza che il gruppo consiliare “Insieme si cambia”, con Capogruppo Antonio Frogiero, ha presentato una interrogazione sulla situazione relativa al mancato funzionamento degli impianti di riscaldamento che spesso si registra presso la scuola Elementare di Sant’Anna. 

A porre la questione all’attenzione dei consiglieri comunali è stato Nicola Izzo, già candidato in occasione delle elezioni comunali del 2019 ed ora componente del Coordinamento del Movimento civico. 

In particolare, è stato segnalato da più genitori come, per diversi giorni anche durante la corrente settimana, il riscaldamento non sia stato funzionante. I bambini, i docenti ed il personale tutto sono stati costretti, pertanto, ad operare durante le ore di studio e di lavoro in condizioni di freddo intenso, anche considerando il crollo termico che si è registrato in questi giorni. 

Il gasolio, come appreso, arriverebbe di volta in volta con il contagocce e si esaurirebbe nell’arco di pochi giorni. Ogni volta riproponendosi, quindi, il disagio che, fino a qualche manciata di giorni addietro, era stato tamponato dalla persistenza di temperature ancora miti. 

 Il Movimento civico auspica che l’Ente comunale non voglia adottare la politica del risparmio proprio rispetto ad un servizio primario quale quello rappresentato. E proprio in un contesto centrale e delicato quale quello della scuola. 

Le nuove generazioni – ha sottolineato Nicola Izzo – non devono scontare le colpe di chi ha in modo irresponsabile gestito la macchina amministrativa”. 

L’istanza del giovane esponente della contrada Bagnoli è stata, come detto, fatta repentinamente propria dai consiglieri comunali di “Insieme si cambia” ed immediatamente trasformata in una iniziativa posta all’attenzione della maggioranza di Palazzo San Francesco. Ciò al fine di comprendersi la genesi del problema e, soprattutto, le future modalità di gestione.  

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: