1. Home
  2. web
  3. ARTICOLI
  4. Sant’Agata, morte Ciccio: confermata condanna
0

Sant’Agata, morte Ciccio: confermata condanna

Sant’Agata, morte Ciccio: confermata condanna
0
0

Morte di Ciccio il parcheggiatore, il secondo grado conferma la condanna a dieci anni per Filippo Lubrano. Questa mattina la Corte di Appello ha ribadito quanto, nell’ottobre 2016, era già stato comminato dalla Corte di Assise. L’accusa in capo al giovane santagatese, difeso dagli avvocati Ettore Marcarelli ed Antonio Biscardi, è quella di omicidio preterintenzionale. I fatti sono tristemente noti e risalgono al 30 luglio 2015: secondo l’accusa, Lubrano – che afferma di non aver commesso il fatto – avrebbe tirato uno schiaffo al 69enne Ciccio per questioni relative al controllo del parcheggio di piazza ex campo sportivo. L’anziano, per effetto del colpo ricevuto, sarebbe rovinato al suolo battendo il capo sul marciapiedi. Un impatto che, come da ricostruzione del medico legale, avrebbe provocato fratture in zona occipitale con conseguente emorragia e morte verificatasi, il 1 Agosto, dopo due giorni di ricovero presso il “Civile” di Caserta. Lubrano, il 4 agosto 2015, era stato trasferito in carcere. Il giorno 17 dello stesso mese, il ragazzo si era visto riconoscere i domiciliari dal Riesame, restrizione successivamente ridimensionata ulteriormente in obbligo di dimora. Come emergerebbe, intanto, i legali di Lubrano produrranno ricorso in Cassazione. A tutelare gli interessi della famiglia di Ciccio, invece, è l’avvocato santagatese Sandro Della Ratta

sponsor
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: