Home ARTICOLI Amministrative Bucciano | Il programma elettorale della lista Per Bucciano
0

Amministrative Bucciano | Il programma elettorale della lista Per Bucciano

0

Per poter garantire un futuro al nostro paese bisogna essere in grado di immaginare un Futuro migliore e bisogna essere in grado di fare ciò che si è immaginato.

“Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile” (San Francesco di Assisi).

Una comunità cresce se guarda al futuro senza dimenticare da dove viene e cosa vi è stato nel passato, nel bene e anche nel male se serve per migliorare. La qualità della vita amministrativa si misura in base alla logica del pianificare, attuare, verificare e azionare per il miglioramento se necessario.

Bucciano ha vissuto in questi anni momenti significativi di amministrazione attenta e capace. Non è più la situazione di crisi degli anni novanta dove il Comune decretando il dissesto finanziario dovette procedere al risanamento economico e ad una mobilità di dipendenti. Oggi, per fortuna, ci troviamo in una situazione abbastanza normale e per certi versi florida per le casse comunali visto che, dalla ultima verifica di cassa del 31 marzo 2018, risulta una situazione di saldo attivo pari ad Euro 587.154,22.

Oggi la politica amministrativa locale non deve affrontare emergenze particolari che di conseguenza compromettono seriamente le politiche di progresso.
Lo sviluppo del paese non può non passare attraverso l’esame delle sue caratteristiche ambientali e territoriali e le sue capacità di risorse umane presenti.

Tantissimo è stato fatto nei diversi settori di competenza del Comune, per cui per il prossimo quinquennio si continuerà a fare tutto ciò che è necessario per la nostra amata Bucciano, ma insisteremo con tutte le nostre energie per migliorare ancora di più la qualità della vita del paese e dei suoi abitanti.

Fare politica significa impegnarsi in prima persona per migliorare la vita quotidiana del cittadini; fare politica, ovvero mettersi al servizio dei cittadini è la cosa che i candidati della lista del sole che sorge fanno ogni giorno, seguendo quello spirito di servizio unicamente orientato al bene dei cittadini che da sempre li contraddistingue.

Per tale ragione hanno deciso di presentarsi in questa competizione elettorale con un programma amministrativo articolato nei seguenti punti salienti:

1) MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA’ DELLA VITA

Sicuramente la qualità della vita migliora al crescere della partecipazione consapevole, che è possibile se si migliora in quantità e qualità il lavoro. Tuttavia una delle condizioni necessarie e primarie alla crescita economica è la consapevolezza del bene comune e della sicurezza. Senza una crescita del sentire comune e di comunità una crescita economica è improbabile e forse dannosa in quanto spesso si associa alla crescita delle sperequazioni.

Premesso ciò, l’amministrazione si dovrà far parte attiva per un confronto aperto su temi quali: • Un utilizzo consapevole dei Social che se da un lato possono essere veicolo di condivisione e di opportunità economiche dall’altro sono fonte di rischio (isolamento sociale, falsa informazione, adescamento dei minori, violazione della privacy);

• La corretta alimentazione che agisce anche da prevenzione sanitaria (un cittadino sano è un cittadino che comporta meno oneri sociali per la Collettività);

  • Incentivazione di stili di vita attivi;
  • L’ambiente che è da valorizzare non solo per la salute ma anche come volano di crescita economica;
  • L’utilizzo consapevole delle risorse a basso impatto ambientale;
  • Realizzazione di percorsi attrezzati per le attività all’aria aperta.

    1A) INCENTIVAZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

    Dopo l’eccellente lavoro, attestato, sulla raccolta differenziata, continueranno le attività di educazione e formazione ai ragazzi nelle scuole. Il modo opportuno di differenziare e la riduzione al minimo della produzione di rifiuti, saranno i temi predominanti di queste attività. Esse permetteranno di far nascere, nei nostri ragazzi, una coscienza ecologica salda, al fine di renderli portatori, nelle famiglie, di esperienze che andranno a migliore la comunità.

    1B) MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL’ARIA

    Sono in programma progetti per il monitoraggio della qualità dell’aria preferibilmente sull’intera Valle Caudina, in collaborazione con il Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, utilizzando metodiche eco-compatibili più economiche e ad elevata densità di punti misura rispetto alle metodiche convenzionali di misura dell’inquinamento atmosferico basate, ad esempio, sull’utilizzo di centraline di monitoraggio che risultano di difficile gestione sia in termini di costi che di manutenzione. La tecnica consiste nell’esposizione nei siti da monitorare di muschi prelevati in aree prossime-naturali, e trapiantati in sacchetti sferoidali di nylon (moss bags)

grandi circa come una moneta. Attraverso le diverse procedure analitiche si ottengono valori di concentrazione di inquinanti (metalli, metalloidi, idrocarburi policiclici aromatici), molti di più rispetto a quelli misurati con i metodi convenzionali, accumulati dai muschi nel periodo di esposizione.

Inoltre, sono previste attività di diretta condivisione delle informazioni al cittadino in modo tale che sia consapevole della qualità dell’aria che respira e contribuisca a migliorarla sempre di più. Infatti la conoscenza della qualità dell’aria, ci permetterà di progettare in seguito azioni atte al miglioramento della vita di tutta la comunità.

1C) LOTTA ALLE LUDOPATIE

Ad oggi Bucciano è in una situazione complicata, in quanto ai primi posti in Valle Caudina come quantità di denaro in scommesse per cittadino.

Bisogna valutare il costo sociale delle ludopatie, sia in termini di impoverimento della collettività, sia in termini di costi sociali.

Questa battaglia non può essere relegata alla pur meritoria azione della Chiesa Diocesana; la Società e per il suo tramite l’Amministratore deve affrontare questo tema che poi si riverbera sui costi per l’assistenza sociale, che in fondo sono soldi dei Cittadini.

Impegno e misura della qualità di una amministrazione è anche quella di creare opportunità concrete di cambiamento e crescita che non siano l’affidarsi alla sorte o a soluzioni fallimentari già viste in passate.

Tali temi devono essere centrali, in quanto sono le strade del futuro che percorreranno i nostri figli.

2) I GIOVANI

I GIOVANI SONO IL PRESENTE del nostro piccolo paese e devono essere necessariamente messi al centro della vita politica e sociale della comunità.

2A) FORUM DEI GIOVANI

Bisogna puntare su di loro e valorizzare le loro competenze e professionalità. In quest’ottica è auspicabile la creazione di un Forum dei Giovani, dove poter concentrare tutte le intelligenze del paese, che possano organizzare manifestazioni culturali, dibattiti, incontri e promuovere culturalmente il paese. E’ necessario far nascere un punto di incontro dove poter discutere di proposte, idee, progetti, unitamente al servizio dell’ascolto delle problematiche esistenti sul territorio.

2B) INCENTIVI PER LA NASCITA DI NUOVE COOPERATIVE

Crediamo fortemente ad un progetto che miri alla creazione di posti di lavoro non solo attraverso la pubblica amministrazione, ma anche e soprattutto attraverso creazione di cooperative sociali di servizio composte prevalentemente da giovani che recuperino, però, il vero scopo sociale ed associativo. In buona sostanza le cooperative hanno quale cardine principale della loro azione lo scopo mutualistico, cioè quello di fornire direttamente ai soci occasioni di lavoro a condizioni più vantaggiose di quelle di mercato e, comunque, di distribuire gli utili fra i soci; oggi invece le cooperative si sono sostituite alle imprese che hanno come scopo principale il lucro e il guadagno per i titolari, offrendo salari poco dignitosi e pagati con ritardi notevoli.

2C) AZIONI DI STIMOLO PER POLITICHE GIOVANILI

Il Comune di Bucciano ha potuto beneficiare, fino ad oggi, della collaborazione di 36 giovani impegnati nei progetti per il Servizio Civile Nazionale e regionale (30) e nel programma regionale denominato Garanzia Giovani (6). Nel prossimo quinquennio puntiamo ad implementare e rafforzare tali misure di politiche giovanili; infatti risultano già presentati altri due progetti per il Servizio Civile per l’area anziani e minori che, una volta finanziati, permetteranno ad altri 14 ragazzi della nostra comunità di beneficiare di tali iniziative e di collaborare con il Comune.

Tali iniziative sono di fondamentale importanza perché, oltre a garantire un minimo di risorse ai giovani (€ 433 al mese per 12 mesi), fanno curriculum esperienziale ed avvicinano gli interessati alle azioni della pubblica amministrazione.

3) OPPORTUNITA’ E SVILUPPO

Sono presenti sul territorio imprese artigianali e commerciali da non trascurare, bisogna spingere tali realtà verso una visione e un dinamismo proteso al futuro. Qualsiasi piano di sviluppo non può prescindere da una logica intercomunale e interprovinciale. La Valle Caudina, divisa in due Province e confinante con la Provincia di Caserta, è un territorio strategico tra l’entroterra sannita e il napoletano. Ci troviamo a 40/50 km da Napoli e altrettanti dalle zone più interne della Campania, siamo una sorta di Trade-union non solo geografico ma anche culturale. Promuovere e sviluppare attività che non si limitano alla stretta sfera localistica ma orientate verso una visione più ampia e moderna può rappresentare un elemento significativo di progresso.

In quest’ottica anche il completamento dell’arteria Fondo Valle Isclero assume un valenza importante e decisiva; infatti abbiamo chiesto ed ottenuto dalla Provincia di Benevento che nel progetto esecutivo di completamento della strada fosse inserito la realizzazione del ponte di via delle Janare creando, di fatto, un nuovo svincolo di ingresso sulla strada a scorrimento veloce.

La politica non può dare lavoro per ordinanza. Può solo programmare e creare le condizioni di sviluppo. Creare pari opportunità e capacità imprenditoriale è la scommessa dei prossimi anni. Il mondo si sta sviluppando non solo a livello tecnologico ma principalmente nella visione del futuro. Una visione strettamente clientelare lascia il tempo che trova ed è estremamente fluttuante e legata ad una logica miope e in alcuni casi illegale. L’amministratore deve essere vicino ai cittadini, ascoltandone le osservazioni, ma deve principalmente istruire e formare il cittadino, alla vita civica e alla vita economica. Formare per farlo diventare partecipe e responsabile delle sue azioni e delle azioni degli amministratori stessi.

3A) SUPPORTO PER IMPRESE ARTIGIANE E PER NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI

Il Comune si doterà di uno sportello di supporto alle piccole e medie imprese artigiane di Bucciano, anche di nuova costituzione, per orientarle verso canali di finanziamento Europei e Regionali per incentivare l’acquisto di beni strumentali e l’introduzione di nuove tecnologie anche digitali.

3B) RINUNCIA ALLE INDENNITA’ DI CARICA

Per il prossimo quinquennio confermiamo l’impegno di rinunciare alle indennità di carica e le relative somme (circa 80 mila Euro) saranno utilizzate per finanziare, con contributo a fondo perduto: 1) la creazione di nuove attività artigianali o commerciali e startup innovative; 2) la nascita di cooperative sociali; 3) l’acquisto di attrezzature e beni strumentali, oltre che per l’ammodernamento e l’introduzione di nuove tecnologie.

4) TURISMO E TERRITORIO

Il tema del turismo è un altro tema fondamentale nell’agenda quinquennale di governo. Turismo inteso nelle sue varie accezioni. Turismo religioso, eno-gastronomico, culturale. Attraverso la promozione dei luoghi storici e religiosi, si potrebbero prevedere percorsi ad hoc (per scolaresche, ad esempio, ma non solo), durante i quali poter usufruire di visite guidate presso le grotte, i luoghi di culto, l’Acquedotto Carolino, per passare poi alla visita delle aziende del paese, durante le quali poter degustare i prodotti tipici del territorio. In quest’ottica, l’inserimento di Bucciano nelle guide del Touring Club Italiano, sarebbe un valore aggiunto, a maggior ragione se il nostro piccolo paese fosse insignito della bandiera arancione, cosa per la quale abbiamo già avviato i necessari contatti per proporne la candidatura.

Riuscire ad affiancare una logica gestionale alla voglia spontanea e sentimentale di valorizzazione del territorio e delle sue tradizioni può rappresentare la sfida fondamentale degli anni futuri.
C’è bisogno di formare operatori dal punto di vista professionale che sappiano inserirsi efficacemente nell’ambito di politiche di sviluppo del territorio stesso.

Il paese può entrare nell’ambito di percorsi turistico-ambientali e turistico-religiosi già presenti in Provincia e Regione.
Per fare ciò occorre un salto di qualità che sappia coniugare la voglia genuina e spontanea con la capacità di sfruttare economicamente risorse esistenti.

L’iniziativa dei Percorsi dei sentieri dovrà diventare stabile e produttiva, principalmente nel periodo estivo.
Promuovere la formazione di un gruppo di operatori turistici che sia capace di organizzare e divulgare le bellezze ambientali, artigianali, storiche e architettoniche presenti.

Il Direttore della Reggia di Caserta, dr. Felicori, qualche mese fa ha evidenziato, in una intervista ad emittenti locali, la bellezza della zona dove è presente il Ponte Carlo dell’acquedotto Carolino. Il Taburno e il territorio di Bucciano fa da sfondo al Ponte. Il paese si presenta ridente e spettacolare con la presenza di opere storiche e ambientali di particolare importanza: non dimentichiamo che nei giorni FAI di primavera 2017 i siti presenti sul territorio di Bucciano, Moiano e Airola rappresentavano la quasi totalità dei siti della Provincia di Benevento.

La valorizzazione delle opere storiche e ambientali nasce principalmente dalla montagna del Taburno; Bucciano rappresenta il suo paese simbolo. Questa affermazione sembra campanilistica ma in effetti è solo la pura realtà: nessun paese del Taburno è cosi centrale e strettamente legato a questa montagna come Bucciano.

La vista a mezzogiorno e l’adagio ai piedi della montagna, con la presenza maestosa e simbolica del Santuario della Madonna, che guarda caso viene definita proprio del Taburno, trasmette al visitatore l’immagine che l’abitato è parte integrante dell’insieme paesaggistico. Il Taburno trasmette un senso di rifugio e di tranquillità, le sue rocce e la sua scarna vegetazione emanano vita; essa si manifesta attraverso la ricchezza del sottosuolo: l’acqua.

Tanto è stato fatto per valorizzare l’area come l’illuminazione della strada che porta al Santuario, la sistemazione dei locali del Convento, il recupero di alcuni affreschi, il ripristino del vecchio sentiero che arriva sotto i locali del Convento e di quello che dalla grotta San Simeone arriva al Santuario.

Pure se ci rendiamo conto che è molto complicato realizzarlo, a causa dei vincoli ambientali e paesaggistici, nel prossimo quinquennio intendiamo realizzare una area per il parcheggio nei pressi del Santuario; ovviamente il tutto sarà immaginato e progettato in sinergia, collaborazione e se condiviso da tutti gli Enti e le Istituzioni interessate

5) AGRICOLTURA

La posizione geografica e le caratteristiche del terreno agricolo di montagna incentivano una coltivazione di qualità: l’ulivo. La conduzione strettamente familiare, tranne pochi e significativi casi di imprenditorialità agricola, ne limita lo sviluppo e la valorizzazione del prodotto.
Anche a valle, sul terreno fertile e grasso, la produzione ortofrutticola ha potenzialità giuste per essere sviluppate e valorizzate.

Invogliare i giovani all’agricoltura, con una adeguata formazione organizzativa, tecnica e culturale può rappresentare un punto fondamentale nel programma amministrativo locale. Evidenziare le competenze individuali e dare la possibilità di accedere a fondi con l’aggiunta di formazione tecnica e organizzativa è compito della politica. Conoscere la normativa di riferimento e conoscere le innovazioni tecnologiche del settore è di straordinaria importanza.

In un paese a forte vocazione agricola quale Bucciano, il tema dell’agricoltura deve essere al centro dell’agenda politica. In virtù di ciò, si potrebbe pensare all’apertura di uno sportello permanente, attraverso il quale gli agricoltori locali potrebbero informarsi e tenersi aggiornati su tutte le misure utili al rafforzamento ed alla implementazione delle proprie attività con iniziative focalizzate a sviluppare la cultura della qualità e dell’innovazione nelle produzioni locali quali Olio, Miele, Prodotti tipici di trasformazione. Sarebbe ipotizzabile la creazione di una rete tra agricoltori, attraverso la quale promuovere le eccellenze del territorio.

Continueremo a fornire collaborazione ed assistenza alle aziende ed ai piccoli imprenditori agricoli che volessero accedere ai finanziamenti del POR Campania – FESR Agricoltura e, quindi, “entrare nel mercato”.
Al fine di agevolare il settore, in questi anni, abbiamo realizzato numerose infrastrutture ed in particolare le strade rurali e di montagna per consentire a tutti di raggiungere comodamente i fondi agricoli.

Abbiamo già programmato ulteriori interventi nel settore per i quali siamo in attesa dell’apertura dei bandi regionali per le richieste di finanziamento.

6) SCUOLA – POLITICHE SOCIALI

6A) L’importanza della formazione in giovane età non è stata mai trascurata dall’Amministrazione e continueremo a lavorare sui servizi scolastici non solo per quanto riguarda l’aspetto strutturale ma anche per l’offerta formativa degli studenti.
Il Comune continuerà a finanziare corsi di lingua, di musica, disegno e di informatica, con un approccio dinamico e coinvolgente, guidati da esperti delle materie.

Intendiamo promuovere progetti educativi che abbiano il coraggio di affrontare concretamente ed a viso aperto il latente fenomeno del bullismo, che oramai è diventato una piaga per la società e per gli adolescenti soprattutto.
Altre azioni da stimolare e da realizzare, in sinergia con la scuola, riguardano la lotta al fumo e alle droghe, l’educazione al senso civico ed al rispetto dell’ambiente, oltre che azioni mirate ad una sana educazione alimentare.

Al fine di incentivare l’incremento della popolazione scolastica con nuove iscrizioni di alunni provenienti dai paesi limitrofi, verranno attuate forme di sostegno allo studio che prevedano anche l’esenzione dei ticket mensa per i bambini provenienti da altri Comuni che i genitori iscrivono a Bucciano.

6B) Altro tema centrale nell’azione amministrativa, deve essere quello dei servizi sociali. Sostegno a fasce più deboli e disagiate, implementazioni di servizi assistenziali (bene in quest’ottica il pacco alimentare, ma non solo). Si potrebbe pensare a sgravi fiscali e misure agevolate per famiglie numerose e meno abbienti. Il potenziamento con l’Ambito Territoriale B2, deve essere un altro punto fondamentale. L’Ambito deve costituire una risorsa nello sviluppo di progettualità importanti a sostegno di famiglie, giovani ed anziani e non deve essere un intralcio.

Il sociale e l’attenzione per i più deboli, gli anziani, i giovani e le famiglie in difficoltà, sono l’ansia principale di ogni buon amministratore, per cui, consapevoli della necessità di unire gli sforzi, si tenderà a coinvolgere le Associazioni di settore e le altre Istituzioni presenti sul territorio comunale al fine di dare tutte le risposte possibili per i diversamente abili, gli anziani e le famiglie in difficoltà.

7) SVILUPPO DEL TERRITORIO ED OPERE PUBBLICHE

La nostra azione amministrativa continuerà nella direzione della riqualificazione urbanistica del territorio, che oggi è finalmente possibile vista la sensibile riduzione dei vincoli delle cosiddette “zone rosse”, ottenuta dopo anni di sacrifici, impegno e dedizione.

7A) NUOVA PIANIFICAZIONE URBANISTICA

E’ arrivato il momento di mettere mano ad una nuova pianificazione urbanistica (il vigente piano Regolatore è infatti datato 1989). Oggi è finalmente possibile visto che con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 28 giugno 2017, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 253 del 28 ottobre 2017 il territorio di Bucciano è stato quasi interamente LIBERATO dai vincoli delle zone rosse.

Il nuovo Piano Urbanistico Comunale (PUC) dovrà prevedere una piccola zona industriale al fine di consentire l’insediamento di qualche azienda che possa dare risposte occupazionali al territorio.

7B) OPERE PUBBLICHE

Saranno realizzati gli interventi per le seguenti opere già oggetto di finanziamento:

Abbattimento e ricostruzione scuola Materna Don Francesco Falzarano. Lavori appaltati.

€ 1.005.000,00

Realizzazione nuovi loculi nel Cimitero Comunale. Lavori appaltati.

€ 127.000,00

Sistemazione idraulico-forestale del Vallone San Simeone. Finanziamento deliberato. FSC 2014/2020

€ 1.600.000,00

Lavori di Viabilità, cortili e Parcheggio via san Giovanni. ITER Campania D.D. n. 274 del 27/12/2017 BURC n. 1 del 2/01/2018. Finanziamento richiesto.

€ 2.772.072,00

Lavori di adeguamento e completamento fognature nelle zone sprovviste. ITER Campania D.D. n. 274 del 27/12/2017 BURC n. 1 del 2/01/2018. Finanziamento richiesto.

€ 2.200.000,00

Lavori finalizzati alla creazione di un punto informativo turistico nello stabile comunale di via provinciale. PSR Agricoltura Campania 2014/2020. Finanziamento richiesto.

€ 149.918,00

Lavori completamento Pubblica illuminazione nelle zone sprovviste: via Grande, via delle Janare, via Valle, via San Nicola, via c/da Cappella etc. Progetto approvato finanziamento da richiedere.

€ 800.000,00

Impianto di videosorveglianza comunale. Decreto Ministero dell’Interno del 31/01/2018. Progetto approvato finanziamento da richiedere.

€ 272.036,00

Sistemazione ed ampliamento strada rurale Mozzoni – Don Santo. Delibera CIPE 54-2016. Decreto Regionale n. 3 del 26/03/2018. Progetto approvato. Finanziamento da richiedere.

€ 420.000,00

Ulteriori finanziamenti saranno richiesti per nuovi e non programmabili interventi in base ai bandi regionali ed europei che saranno pubblicati nel quinquennio.

8) LA CULTURA COME RISORSA

Nell’attuale contesto di crisi del mezzogiorno, che soffre in modo drammatico la mancanza di lavoro, oltre alla buona amministrazione bisogna possedere la capacità di saper utilizzare gli strumenti e le risorse disponibili.
Oggigiorno l’Amministratore deve essere in grado di intercettare i finanziamenti, presentando lavori di qualità, in caso contrario la prospettiva è l’impoverimento della collettività.

Dopo un passato di finanziamenti a pioggia, gli Amministratori devono avere una visione del futuro del territorio e devono essere in grado di comunicarla tramite proposte progettuali serie.
Le risorse ci sono! Ma sono a disposizione solo di chi è capace di utilizzarle.

Per far ciò è necessario che ad ogni livello ci si attrezzi affinché la più larga parte delle persone abbia gli strumenti per poter crescere e partecipare allo sviluppo sociale dei nostri luoghi.

La nostra proposta è quindi di fare l’Amministrazione parte attiva nel coinvolgere tutti in questo sforzo di crescita.

In particolare il territorio nelle sue varie espressioni deve essere coinvolto ad esempio:

FUTURO:
• I bambini ed i genitori con iniziative come quella di Nati per Leggere al fine di

creare un momento di socialità incentrato sulla cultura e costituire una biblioteca condivisa;
• I ragazzi sponsorizzando iniziative di approfondimento civico collaborando con i dirigenti scolastici di zona;

SOCIALITA’
• Le associazioni per la scoperta e valorizzazione del territorio (il Taburno, le

sagre, iniziative per la valorizzazione dei prodotti artigianali locali, le produzioni a km 0);
• Sponsorizzare l’attivazione di un cineforum per riscoprire la “bellezza di stare insieme”, vero collante di una Collettività;

INTERNAZIONALIZZAZIONE PAESE
• Bisogna creare una rete attiva con tutti gli emigrati buccianesi, sparsi nel mondo, in particolare con tutti i buccianesi residenti negli Stati Uniti d’America, dove esiste una comunità importante. A questo proposito, per rafforzare il legame tra Bucciano ed i suoi emigrati in terra americana, è ipotizzabile la creazione di 2 borse di studio per studenti delle scuole medie, che consentirebbe ai nostri ragazzi di trascorrere un periodo di vacanza-studio in terra americana, dove poter imparare l’inglese e rafforzare il legame con la terra natia. A questo proposito e sempre in questa ottica, è ipotizzabile la nascita di un gemellaggio internazionale, magari con una delle cittadine americane con più presenza di Buccianesi.

In questi anni sono state fatte cose rilevanti in questo settore ma ancora di più bisogna fare per aumentare l’incisività di tale azione.

9) TRASPARENZA – DIALOGO – COLLEGIALITA’

Dare contenuti e reali opportunità per la partecipazione delle persone alla vita politica ed amministrativa del Comune è un altro forte impegno che ci sentiamo di assumere, anche perché il paese viene da un quinquennio in cui è mancato un reale confronto per la mancata presenza di una lista di opposizione.

Sentiamo forte il bisogno di ritrovare insieme ai nostri concittadini il Valore della Politica: confronto, ascolto e servizio.

La realizzazione di un qualsiasi programma amministrativo avrà il suo giusto valore se sarà accompagnata da azioni di potenziamento del sistema di confronto e da procedure di trasparenza e di costante informazione dei cittadini.
Pertanto, il dialogo permanente e continuo con i cittadini sarà impegno prioritario per tutti gli amministratori della lista del sole che sorge. Solo con il dialogo e, soprattutto, attraverso l’ascolto dei problemi della Comunità sarà possibile affrontare ogni situazione al meglio, offrendo quei servizi e quelle risposte che il cittadino esige e merita.

La trasparenza, quindi, dovrà rappresentare il principio guida per tutta la macchina amministrativa. Continueremo ad ispirare la nostra azione alla trasparenza ed alla collegialità sui fatti amministrativi, garantendo che tutte le questioni, così come già è stato, siano decise e concordate dall’intera Amministrazione, assicurando a tutti i candidati, come sempre, lo spazio per esprimere la propria progettualità costruttiva.

*****
Tutto ciò sarà fatto con umiltà e moderazione e saranno coinvolte tutte le categorie, dai giovani agli anziani, dai lavoratori a quelli in attesa di occupazione, dagli operai ai professionisti, dalla cultura alla semplicità. Non si tratta soltanto di auspici ma di autentiche necessità. Su questi temi, reali ed

incalzanti, si misurerà l’impegno di ciascuno e di tutti.

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: