1. Home
  2. web
  3. ARTICOLI
  4. Montesarchio | Storie fantastiche e bambini felici: “andiamo diritti alle storie”.
0

Montesarchio | Storie fantastiche e bambini felici: “andiamo diritti alle storie”.

Montesarchio | Storie fantastiche e bambini felici: “andiamo diritti alle storie”.
0
0

Andiamo diritti alle storie “ è la manifestazione che si è tenuta stamani in piazza Carlo Poerio organizzata dall’Istituto Comprensivo Ilaria Alpi e dalla biblioteca scolastica Tempolibro.
schermata-2016-11-18-alle-23-43-29All’evento hanno partecipato docenti, genitori e lettori volontari. Storie fantastiche della tradizione e della nuova editoria dell’infanzia per bambini in età prescolare sono state raccontate sotto il cielo sereno riscaldato dai caldi raggi del sole che oggi ha reso ancora più piacevole la manifestazione.” E’ questa la settimana nazionale nati per leggere che va dal 13 al 20 novembre, il periodo è stato scelto perché il 20 novembre ricorre la giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, per questa occasione abbiamo riunito i bambini per raccontare loro storie e per far leggere mamme, lettori volontari e tutti quelli che amano avvicinare i bambini alla lettura.” Così ci ha spiegato la responsabile bibliotecaria Anita Parrella a cui abbiamo chiesto quali fossero i risultati raggiunti considerando che la manifestazione a Montesarchio è già al secondo anno e che la biblioteca Tempolibro dell’Istituto Comprensivo Ilaria Alpi è punto letturanati per leggere Campania , ci ha risposto che in biblioteca ci sono sempre ragazzi e bambini che ascoltano volentieri le storie ed è evidente un numero sempre maggiore di alunni che si avvicinano alla lettura.

schermata-2016-11-18-alle-23-43-42Abbiamo chiesto poi alla dirigente Maria Grazia Ceglia quali fossero i vantaggi di una biblioteca all’interno di una scuola, ci ha chiarito così:” i vantaggi sono notevoli perché non è che l’amore per la lettura ed i libri nasca magicamente, è un amore che va coltivato, bisogna insegnare i bambini ad amare i libri e questo va fatto sin dalla tenera età, il progetto nati per leggere parla di questa precoce esposizione alla lettura sin dai primi mesi di vita e questo, accertato scientificamente provoca un miglioramento di tutte le funzioni cognitive che si ripercuote sulla crescita globale armonica del bambino; partendo da questo assunto siamo convinti che queste attività vadano fatte sin dai tre anni e che la scuola dell’infanzia è il terreno sul quale ci misuriamo e su cui possiamo gettare le basi perché i nostri alunni siano bambini felici di leggere, creativi e che amino l’apprendimento.”
Soddisfatti i genitori che stamani hanno partecipato all’evento e che non sono riusciti a trattenere l’emozione dettata dall’empatia visibile tra i lettori ed i bambini che ascoltavano con gioia ed attenzione i loro lettori. E’ proprio questo l’obiettivo di nati per leggere che auspica di garantire che ai bambini non manchino mai da parte degli adulti, tempo, voce e storie e che ci siano in ogni città, in ogni paese, spazi riservati a libri, perché sono i libri che nutrono e aiutano a crescere.

Brigida Abate

sponsor
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: