1. Home
  2. CULTURA
  3. I Casali di Valle e Pantanaro nel 1655

I Casali di Valle e Pantanaro nel 1655

I Casali di Valle e Pantanaro nel 1655
0
0

valleDistante dal Casale delli Ferrari mezzo miglio si trovano li Casali di Valle, Casale di Pantano, Marotta e Battaglia, li quali stanno poco distante uno dall’altro. Le abitazioni sono con primo e secondo ordine di fabrica di pietre vive coverte con tetti con comodità di acque fresche che scendono dalÌe dette Montagne ed altre sorgenti, nelle quali abitazioni vi sono giardini ortolitij e territorj larghi arbustati; li abitanti sono persone civili e  persone faticatore.

Et per loro comodità vi è la Chiesa parocchiale sotto il titolo di S. Maria a Valle, la quale è a due Nave, una coverta con tetti e l’altra con lamia. In testa è l’Altare maggiore con custodia indorata dove assiste il Santissimo, sopra è cona dell’Assunzione di buona pittura guarnita di legname indorato. Nell’altra Nave vi è la Cappella del Santissimo Rosario con li Misterij intorno di buona pittura sopra tavola, appresso è un’altra Cappella dove è una statua di Nostra Signora di rilievo di legname indorato, alla destra è la Cappella di S. Antonio e la Maddalena la quale tiene d’intrada annui ducati vinti al Vescovo di Capaccio Monsignor Carafa.

Tiene l’apparati necessarj, due Calici, palio incarnato, Fonte Battesimale, campanile con due campane. Viene servita dal suo Paroco Don Giulio de Stasio con un altro Sacerdote e due Clerici, Ii può rendere l’anno ducati cento incirca.

Nel detto Casale di Pantanaro vi era un Convento di Padri di Monte Vergine, ai presente dismesso, e per fede del detto Paroco primicerio sono Anime di Communione tra uomini e Donne numero 200, et in capace tra figlioli e figliole numero 90 in circa. pantanari

Et a rispetto del vivero, si venne lo pane alla piazza onze 66 per grana sei, lo vino uno grano la caraffa, la carne di Castrato grana otto lo rotolo, Ia carne d’Aino grana sei, la carne vaccina grana sette, la carne porcina grana cinque, le galline grana dieciotto, li pollastri grana sette, l’ova quattro, cinque cavalli I’uno, l’oglio viene da fuora e vale grana 12 lo rotolo; in detta piazza si viene a vendere pesce et altre robbe commestibili, e di quello  che li mancano si provedono dalle Terre convicine.

Siegue il Territorio, seu Giurisdizione di detta Terra di Cervinara, e suoi Casali, cominciando dalla parte di Ponente, stende mezzo miglio e termina con lo ponticello che divide con lo Territorio delli Rotundi, da Tramontana stende un miglio e confina con lo Territorio di Montesarchio, da Levante  stende un miglio incirca e confina con lo Territorio di Santo Martino, e da Mezzogiorno tra Territorio piano, e come saglieno Ie Montagne piane sopra di esse, quali confinano con Ie Montagne di Monte Vergine, Avella, la Rocca Rainola et altri confini, giusto a suoi antichissimi confini. Il Territorio dentro detto confine da tre parte di Ponente, Tramontana e Levante sono Territorj arbustati, vitati di uve coda cavallo, negre, asprinio, Grechi, moscatelli et altre sorti di uve, fruttati da tutte sorte di frutti, fico, pero, mela, cerase, sorbe, nespole, nuce, castagne et altre sorte di frutti, Territorj seminatorj di tutte sorti di vittovaglie, lini, canavi, ortolizij di tutte sorte di verdume, principaliter d’acci e carduni, li quali servono per uso dell’abitanti, e quello che I’avanza si vendono.

Vi è la industria delle Tavole di Cervinara, le quali si fanno di questo modo nelle Massarie, si piantano attorno Ie siepe, o vero confina li chiuppi, e quelli senza vite crescono e si fanno altissimi e diritti, e poi nelli loro bisogni li tagliano, e quelli vendono, de quali ne sono abbondantissimi. Et per governo di detti Territorj vi sono li Bovi aratorj para 100 e Bovi indomiti para 200, Pecore e Capre numero 800, Porci numero 1000 circa, Animali di sella numero10 e somarri numero  50 in circa.

Si governa la Università di detta Terra da quattro Eletti, due esattori, uno Procuratore, Cancelliere, li quali si eliggono nel mese di Agosto, e se Ii dà possessione al primo di Settembre avanti in publico parlamento; lo Governo vecchio nomina, l’Università eligge per  voce, e l’utile Signore le confirma, li quali quattro Eletti sono del Casale delli Ferrari, Pantanaro, del Trescene e di Perozza.

 (segue…)

Angelo Marchese

(terza parte – https://www.usertv.it/2016/09/27/cervinara-san-gennaro-la-marchesal-corte-e-san-nicola-nel-1655/)

(seconda parte – https://www.usertv.it/2016/09/20/cervinara-nel-1655trescine-san-potito-e-san-marciano/)

(prima parte – https://www.usertv.it/2016/09/15/i-salomoni-di-cervinara-in-una-descrizione-del-1655/)

sponsor
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: