Home ARTICOLI Moiano, la cucina diventa inclusione
0

Moiano, la cucina diventa inclusione

0

L’inclusione può nascere anche ai fornelli. E, con essa, la cultura dell’eguaglianza.

La Parrocchia di San Pietro Apostolo di Moiano, Comunità guidata da don Iosif Varga, a lanciare “Mani in pasta – Corso di cucina di inclusione”. Una scuola di cucina amatoriale, aperta alla partecipazione di “ragazzi speciali” che saranno affiancati da coetanei normodotati. A menare le danze, ovviamente, apposite professionalità con chef, maestri di cucina e maestri pizzaioli.

L’inaugurazione si avrà mercoledi 22 gennaio, alle ore 16:30, con i corsi che si svilupperanno presso la scuola elementare di via San Vito di Luzzano di Moiano. Grande sensibilità, quindi, nel promuovere un esperimento che, di fatto, pare non avere precedenti in Valle Caudina e che alla Valle Caudina si rivolge. Come precisano, infatti, i promotori di “Mani in pasta”, il percorso si rivolge non solo ai piccoli di Moiano e di Luzzano bensì alla partecipazione dell’intero Comprensorio caudino.

Il corso di cucina amatoriale, ancora, sarà realizzabile grazie al contributo ed al supporto a vario titolo giunti alla macchina organizzativa. Allo scopo, dalle sedi della Parrocchia moianese, si pongono in essere ringraziamenti all’indirizzo di vari soggetti, sia istituzionali sia privati. Nel novero il Comune di Moiano, l’Istituto Comprensivo “De Sanctis” di Moiano, le Arciconfraternite cittadine del Santissimo Purgatorio, del Rosario e quella dell’Immacolata e Purgatorio di Luzzano. Ancora ringraziamenti, proseguendo, al Centro medico Erre-Neuromed di Sant’Agata de’ Goti, a Special Olympics nonché alla dimensione santagatese del Rotary Club. Un esperimento innovativo con un cenno di doverosa riconoscenza alle maestranze dei fornelli che metteranno a disposizione, in modo gratuito, tempo e professionalità.

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code