Home ARTICOLI Cervinara: Borgo Pirozza, una frazione da prendere ad esempio
0

Cervinara: Borgo Pirozza, una frazione da prendere ad esempio

0

Non potevo credere ai miei occhi, quando, invitato da un gruppo di persone di Pirozza, per individuare un luogo in cui esporre una raccolta di foto storiche, in occasione della imminente Sagra del Tartufo che si terrà il sette, l’otto ed il nove dicembre prossimo, ho notato la pulizia in cui versava il posto. Pirozza, da poco interessata da un restiling voluto dall’amministrazione comunale che ha provveduto a far pavimentare tutti i cortili, sembrava appena costruita. La pulizia del posto era evidente e, cosa più importante, profumava. Arrivato in leggero anticipo all’appuntamento, ho voluto fare un giro da solo e, ho notato da subito, nonostante il vento freddo, che a terra non c’era né una carta, né una foglia. Mi guardavo intorno, in verità, con un poco di diffidenza e con l’ansia di svegliarmi e ritrovarmi, di lì a poco, catapultato in un recente passato fatto di cartacce, cicche di sigarette, buste di immondizia abbandonate agli angoli, non ritirate da giorni, e resti di qualche ratto morto. Mentre osservavo quella magia, mi veniva incontro, incappucciata per il vento freddo Annamaria che, con grande gentilezza, mi mostrava una stanza per la mia mostra e mi invitava per un caffè. Di lì a poco arrivava Antonio che, con orgoglio, anche se non nativo del posto, mi mostrava il risultato di una decina di giorni di lavoro di tutta la comunità del Borgo. Un vecchio pozzo rifatto e rivestito con pietre, cunette tirate a lucido, nessun segno di cartacce, né di cicche e nessun cattivo odore emanato dalle fogne. Antonio mi spiegava che erano costituiti in Comitato e che avevano voluto ripulire la frazione anche, e non solo, per l’imminente “Sagra del Tartufo e di Antichi sapori” che stanno organizzando. La mia meraviglia, però, aumentava, quando, abbandonando la frazione per ritornare a casa, notavo, sui bordi della strada che portano all’edificio scolastico distante 300/400 metri dal centro della frazione, dei cumuli di terra appena spazzati dalle cunette. Incuriosito rallentavo e vedevo, con mio grande stupore, un gruppo di giovani che, armati di pale, scope e carriole, pulivano a testa bassa con estrema meticolosità cunette e caditoie. Invitato nella loro chat di WhatsApp, ora, posso ascoltare le loro difficoltà, le loro delusioni, le loro vittorie. Le arrabbiature di Antonio Lacerra “41” e di Antonio Catilino “frenaammano”, di Gianfranco Cioffi che in continuazione ha parole di distensione,  i consigli e l’operatività di Antonio Bizzarro, Giovanni Cantone, Antonio Lacerra, Luigi Catilino, Claudio Simeone, Salvatore Testa, Giuseppe Bove, Giovanni Bizzarro, Ernesto Noto, Orlando Persichini e Fabio Marchese. Ci sono anche donne, poi: Annamaria Esposito, Giuseppina Varricchione, Graziella Esposito, Sara Delli Carri, Giusy Varricchione e, infine, colei che li guida nelle questioni organizzative-burocratiche e di rappresentanza verso gli Enti, la Presidentessa Ada De Marco. Borgo Pirozza, insomma, una frazione che le altre dovrebbero imitare almeno per quel che riguarda la “pulizia” e la tenuta dei luoghi, aldilà dell’imminenza di eventi. Grazie ragazzi per quello che fate e per l’esempio che ci date.

Angelo Marchese

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code