Home ARTICOLI Centro medico Erre, Fials attacca “Ci vuole cambio di rotta”
0

Centro medico Erre, Fials attacca “Ci vuole cambio di rotta”

0

Comunicato stampa Pasquale Tirino FIALS

La scrivente Segreteria Aziendale in merito al Concordato Preventivo e all’attuale gestione del CMR esprime una serie di considerazioni e di rilievi:
– Tagli continui e illegali sulle buste paghe grazie alla corresponsabilità di uno studio professionale non all’altezza della situazione: ultima, la mancata corresponsione in busta paga del rimborso spese per i dipendenti che utilizzano la loro auto per l’attività aziendale.
– Debiti che stanno crescendo in modo significativo: tagli e mancate voci in busta paga nascono dalla necessità di contenere i costi, che, ad ormai un anno e mezzo dell’inizio della procedura di Concordato, sono ingenti e sostanziali.
– Organizzazione scadente e improduttiva con la presenza di soggetti non identificati e assolutamente carenti sul piano professionale, o almeno per quello che tentano di fare. Direttore Sanitario, licenziato due volte e oggetto di una richiesta roboante di risarcimento, rimesso al suo posto come niente fosse accaduto. Comunicazioni ufficiali inesistenti con relative deresponsabilizzazioni; la prassi di dare ordini non scritti agli uffici sta diventando di routine.
– Contrattazioni sindacali, più volte sollecitate dal Giudice Fallimentare, ferme a quelle inutili di Novembre 2017 in sede Confindustria. La scrivente ha prodotto negli ultimi mesi una serie di missive e di tentativi di collaborazione arenati nell’oblio aziendale in modo insensibile e incosciente.
– Attività domiciliare, nevralgica e altamente produttiva, abbandonata ad una visione inadeguata; la scrivente è da anni che chiede la sua regolamentazione, sistematicamente ignorata e punita con atteggiamenti meschini e ridicoli.
– Nuovi assesti della struttura societaria e chiarimenti al piano industriale, in riferimento alle osservazioni dei Commissari, completamente nascosti ai dipendenti e alle organizzazioni sindacali.
La scrivente chiede:
Pensate che l’ammissibilità del piano industriale vi risolve tutti i problemi?… al contrario, i problemi si raddoppieranno e diventeranno un macigno!
Se non ci sarà un cambio forte e deciso di rotta, con partecipazione, condivisione e rapporto serio con chi lavora e ha fatto crescere negli anni la struttura, il CMR vivrà solo fasi di conflitto e di illegalità che andranno ad aggiungersi alle già cospicue vertenze legali in corso. Ancora una volta la nostra organizzazione sindacale mette a disposizione il suo contributo di idee e di fatti, basta solo cogliere l’opportunità in modo serio e onesto.
Malgrado tante volte richiesto siamo sempre in attesa di un incontro con l’Amministrazione aziendale!

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code