Home ARTICOLI Sant’Agata de’ Goti, Parco Efi: il Comune approfondisce
0

Sant’Agata de’ Goti, Parco Efi: il Comune approfondisce

0

Prime iniziative dopo le segnalazioni, inoltrate a mezzo stampa, relativamente allo stato di non perfetta manutenzione degli immobili di Parco Efi, complesso di edilizia popolare pubblica che si sviluppa tra via Ponte vecchio e via Santisi. Come rende noto Palazzo San Francesco, infatti, “nella mattinata di giovedì 15 marzo, i funzionari del settore tecnico dell’Ente unitamente agli assessori comunali Marco Razzano, Oreste Viola e Valerio Viscusi ed all’amministratore condominiale Roberto De Masi, hanno effettuato un sopralluogo presso gli immobili comunali di Parco Efi al fine di verificare asserite e paventate situazioni di pericolo alla pubblica e privata incolumità”. Come da segnalazioni giunte, infatti, il palazzo sarebbe interessato da problemi di non adeguata cura nell’area del tetto e della loggia, circostanze che avrebbero determinato caduta di calcinacci e infiltrazioni di acqua. Il Comune santagatese, quindi, si è mosso di conseguenza per i necessari approfondimenti. “L’amministratore Roberto De Masi – è reso noto dal Municipio – si è impegnato a convocare ad horas un’assemblea condominiale ove verranno esaminate le risultanze tecniche per poi deliberare i lavori e gli interventi da eseguire che non sono solo di pertinenza dell’Ente comune ma anche di tutti gli altri condomini-comproprietari. Ovviamente il tutt o sarà demandato a più approfondite verifiche tecniche, sullo stato generale degli immobili del Parco, al fine di stabilire se trattasi di interventi di natura straordinaria che competono alla proprietà o di natura ordinaria che, in quanto tali, non competono alla proprietà. Sarà opportuno verificare altresì se gli interventi straordinari risulteranno tali per effetto del degrado dovuto alla mancanza di interventi di ordinaria manutenzione non eseguiti nel corso degli anni. E’ primario interesse dell’Ente, infatti, – la conclusione – salvaguardare la pubblica e privata incolumità e tutelare il patrimonio pubblico secondo gli strumenti previsti dalla normativa vigente”.

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code