Home ARTICOLI Politiche, Maltese striglia tutti “Inadeguatezza politica ed amministrativa”
0

Politiche, Maltese striglia tutti “Inadeguatezza politica ed amministrativa”

0

da Giuseppe Maltese, riceviamo

Le urne hanno dato alla politica un chiaro segnale: si vuole cambiare. Non importa come e con chi, l’importante che si cambi rotta: una politica più attenta alle esigenze dei cittadini. Il maggior rimprovero è giocoforza rivolto a chi ha governato fino ad oggi. E se ciò è accaduto a livello nazionale, in un momento in cui la politica potrebbe vantare qualche attività vitale, a livello locale le cose sono andate peggio, vista la inadeguatezza politica ed amministrativa esistente. Oggi non bisogna ricercare colpevoli, né vincitori o perdenti. Bisognerebbe capire, ripercorrere i fatti accaduti, ragionare sui comportamenti assunti, verificare le scelte fatte per fare meglio. Io avrei voluto farlo all’interno della mia compagine politica ma il Segretario del PD di Airola, Diego RUGGIERO, non me ne ha dato la possibilità. Il 7 marzo ha riunito il coordinamento e gli amministratori PD della sola maggioranza, Sindaco incluso, escludendomi da tale contesto senza alcuna motivazione. Probabilmente perché ha inteso convocare solo i responsabili della decadenza politica ed amministrativa di Airola. Se me lo avesse detto, lo avrei capito. Ha fatto come fa sempre, invasato non si capisce di quale conoscenza e saggezza, fermo restando la sua collezione di errori per i quali mantiene eccellenti primati di temporeggiatore nei confronti di “Airola Bene Comune”, ma pronto a sfoderare gli artigli contro “Democrazia e Partecipazione” perché prende le distanze da taluni comportamenti che violano le basilari dinamiche democratiche ed etiche. Giusto per fare qualche esempio, soffermiamoci sui comportamenti che, nei fatti, potrebbero avere condizionato gravemente il voto locale del 4 marzo: il Sindaco, dopo solo qualche settimana dal Congresso ed alla vigilia delle politiche, ha criticato pesantemente e pubblicamente il PD puntando a una poltrona con LeU, poi svanita e, nei fatti, non per un passo indietro del candidato, penalizzando la Federazione Provinciale del PD in maniera grave e a premessa del delicato momento elettorale. Il Segretario PD di Airola, la sua dirigenza e gli Amministratori di “Airola Bene Comune”, anziché prendere le distanze dai tali comportamenti, hanno continuato senza vergogna a tirargli la “giacchetta” nonostante gli imbarazzi sui palchi, il fallimento delle scelte politiche attuate, solo per qualche voto in più e per “salvare” il posto in amministrazione. La pratica dei paracadutati o i decisi da Tizio e da Caio ha ulteriormente alimentato la sfiducia nella politica.   Oggi bisognerebbe solo prendere atto degli errori fatti, educandoci a nuove prospettive, lontane dai numeri e più vicine alle esigenze dei cittadini. Saranno loro a decidere i loro rappresentanti, come lo hanno fatto il 4 marzo 2018. Il Gruppo Consiliare DP sta facendo la sua parte istituzionale, scevra da posizioni personali o contro qualcuno. La sua civica partecipazione nell’attuale situazione politica rappresenta una visione diversa della gestione della cosa pubblica e stare zitti non penso sia giusto e decoroso. Non abbiamo nulla da nascondere o da calcolare. Siamo in un fiume in piena ma non per questo dobbiamo necessariamente affogare o abbandonare la nave. È nostra intenzione mantenere alti gli sguardi per testimoniare che si può fare meglio, anche nel PD. Abbiamo un’idea e non è giusto doverla modificare solo per farla piacere ad altri. Sicuramente potremo migliorare la comunicazione, ma siamo fiduciosi che i fatti, nel tempo, ci daranno ragione.

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code