Home ARTICOLI Moiano si impegna: meno fotocopie e meno linee telefoniche.
0

Moiano si impegna: meno fotocopie e meno linee telefoniche.

0

Tagliare le spese. E’ l’imperativo che viene dagli organi statali a tutti gli enti locali. Ottimizzare le uscite, abbattere i costi non urgenti. Ogni Amministrazione è tenuta, ogni benedetto anno, ad approvare il proprio “Piano triennale di razionalizzazione di alcune spese di funzionamento”, documento che è propedeutico al Bilancio di previsione. Un documento nel quale gli amministratori comunali devono dimostrare (al Governo centrale) come intendano contenere le spese e come ridimensionarle nel successivo triennio. E lo Stato indica anche in quali ambiti si deve intervenire (utenze telefoniche, auto di servizio..). Ebbene: uno degli impegni che il Comune di Moiano si è assunto, in risposta alle richieste normative, è quello di diminuire le linee telefoniche: oggi ve ne sono in funzione quattro, di cui una dedicata a fax ed internet. Dovranno diventare almento tre da qui al 2020. Capitolo carta: i moianesi garantiscono che ne abbatteranno il consumo servendosi del protocollo informatico. Un’altra voce su cui lo Stato chiede di intervenire (e di tagliare) è quella delle auto di servizio: ma il Comune ne ha solo una ed è ad uso della Polizia municipale. Vabbè che le camminate a piedi sono salutari, ma immaginatevelo voi un pattugliamento a piedi del territorio (Moiano-Luzzano e ritorno) od un inseguimento a bordo di una bicicletta. Altro ambito su cui Roma chiede di essere parsimoniosi (sia chiaro, lo chiede a Moiano come a tutti gli altri Comuni di Italia) è quello degli immobili comunali: rispetto a questo aspetto i tecnici dell’ente caudino hanno precisato come si tenterà la via dell’efficientamento energetico del Municipio per limare i costi delle utenze. Un adempimento questo che si trovano a sostenere i vari Comuni che appesantisce la macchina burocratica degli stessi. A parte che non è chiaro cosa può succedere all’Amministrazione che non rispetta in tutto o in parte gli impegni assunti in termini di tagli, non ci si può esimere dal pensare, anche se si rischia di cascare nel populismo, quanto segue: da una parte si chiede ai paesini di tagliare le fotocopie e, dall’altra, molto più in alto dei paesini si tengono in vita carrozzoni e privilegi di milionaria portata. Se proprio si vuole tagliare, si inizi da questi paradossi al fine di restituire la piena credibilità che merita la nostra Nazione.

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code