Home RUBRICHE L'ARCA DI AGNESE Cervinara | Il ricordo di Roberto Mercaldo

Cervinara | Il ricordo di Roberto Mercaldo

0

Carlo Aniello Ricci ricorda il Suo amico Roberto Mercaldo (scomparso il 12 dicembre 2015), colpito dalla SLA, una delle più micidiali malattie del secolo.

Il 12 dicembre 2015 si spegneva a Cervinara la luce terrena del prof. Roberto Mercaldo, ma non la sua Anima, volata libera nell’Alto dei Cieli. Sabato 16 dicembre alle ore 18:30 presso la Chiesa S. Adiutore frazione Salomoni a Cervinara, si svolgerà la Messa in suffragio per questo secondo anno dalla sua scomparsa. La signorìa vostra è invitata a partecipare. Vorrei iniziare con le parole scritte dal Prof. Carlo Aniello Ricci, suo grande amico da sempre che riporto di seguito:

Nella vita di ogni persona vi sono periodi o momenti che restano impressi per sempre nella memoria perché segnati da avvenimenti che hanno suscitato forti emozioni.

Non è raro che alcuni di questi riaffiorano nella mente quasi ogni giorno, se non più volte nella stessa giornata.

Sono trascorsi già due anni dalla scomparsa del mio Amico, il prof. Roberto Mercaldo, persona, per me, indimenticabile. E’ stato un vero Amico, un uomo buono, generoso, con il quale ho trascorso tanti bei momenti, negli oltre quarant’anni di solida amicizia.

E’ impossibile dimenticare la Sua bontà, generosità, disponibilità e l’allegria che sapeva trasmettere in modo spontaneo. Era l’amico di tutti e la semplicità era una dote che lo contraddistingueva. Era molto aperto al dialogo ed il tema dominante dei Suoi discorsi si basava costantemente sull’onestà e la rettitudine: un binomio che ha segnato prevalentemente la Sua vita.

Caro Roberto, ho già raccontato tante volte di Te in altre occasioni, ma credo sia molto difficile elencare tutti i Tuoi meriti e le gravi sofferenze, fisiche e morali, che hai dovuto patire specialmente nell’ultima fase della Tua vita, ma che hai sempre affrontato con grande coraggio e dignità, anche con il Tuo dolce sorriso, da vero “eroe”!

Godi, ora, la meritata Luce del Signore!
Carlo

Ho voluto scrivere questo breve articolo perchè ha lasciato un gran vuoto nei nostri animi. Uomo sensibile, dolce, sempre pronto ad avere una parola di conforto nei momenti bui. Non perdeva mai il sorriso, neanche quando la malattia lo costringeva a stare a letto. Lo ricordo alla cena di Natale, quando nel tepore della casa della famiglia Ricci, scherzavamo tutti insieme, nella più totale serenità. Lo rimembro in palestra sempre pronto ad aiutare e ad allietare i pomeriggi con le sue battute. A casa sua, quando non potendosi più muovere, andammo noi , tutti insieme, con la pizza e in quel giorno non scorderò mai il suo viso. Quella gioia esalava da tutti i pori. Il suo amore per gli animali che curava ed amava era infinito. Fino all’ultimo ha pensato a loro. Era bello stare con lui, le sue emozioni erano pure e la sua bontà era davvero immensa. Non conosceva cosa fosse l’odio o il rancore, ad esso rispondeva sempre con l’amore. La sua sensibilità era tale da eccellere sia in ambito artistico e sia in quello letterario. Sapeva subito farsi voler bene. La prima volta che scesi a Cervinara, non conoscevo nessuno, ero un po’ spaesata nel vedere tante persone nuove tutte insieme, ammetto anche di essermi sentita un po’ imbarazzata per la novità, essendo molto introversa di mio. Roberto, fu il primo a mettermi a mio agio e questo suo gesto non lo scorderò mai. Aveva letto dietro la mia corazza quanta timidezza in realtà nascondessi. Alle volte sono i gesti più semplici, una parola, uno sguardo a cambiare tutta la visuale del mondo. Vi sto raccontando questi dettagli , che possono sembrare scontati, ma quante persone oggi, si soffermano a vedere come sono “dentro” gli altri? Viviamo costantemente in un mondo di dita puntate, rancori, odi, invidie, chiacchiericci, sterili apparenze e corriamo freneticamente, senza renderci conto che la vera bellezza della vita è godere dei piccoli gesti, degli affetti, del fare del bene e dei sorrisi che sgorgano spontanei sulle gote. Sono le persone come Roberto che ti fanno ricordare il vero senso della vita, quelle che ti lasciano un segno indelebile nella memoria, che sanno cosa significa amare veramente e disinteressatamente. Grazie Roberto per essere apparso nel mio cammino di vita e per avermi donato la tua sincera e leale amicizia. Che Dio ti abbia in Gloria sempre.

Agnese Monaco

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code