Home ARTICOLI Politica locale | Maggioranza e opposizione, tra sogni di ribaltoni (impossibili e non)
0

Politica locale | Maggioranza e opposizione, tra sogni di ribaltoni (impossibili e non)

0

Voglia di ribaltare lo stato di cose local-politico. Di tentare “l’impresa”, come quella riuscita a Maggio 2016 a Bonea, ove la nuova squadra Roviezzo-Cecere Palazzo ha mandato in archivio un paio di decenni targati Paradiso. A chi riuscirà la prossima, di impresa? In senso cronologico, le urne – in Valle Caudina – puntano i riflettori su Bucciano. Domenico Matera, che ha perso per via l’appoggio di Marisa Panella, non gareggerà contro se stesso come cinque anni or sono. Questa volta la squadra di competitors ci sarà. Ci dovrebbe essere, quanto meno. “A’ gent’ e Bucciano”, gruppo civico di opposizione extraconsiliare, promette battaglia: ma riusciranno i big (Benedetto-Mennito-Napolitano) a fare sintesi convergendo su un candidato unitario? Sarà questa la prima sfida che saranno chiamati a spuntare gli antagonisti dell’uscente che, tuttavia, sembra partire con gli obiettivi favori del pronostico. Ma quale sarà la ricetta del successo? Tra le mille varianti, pare essere determinante quella della costanza. Le insalate improvvisate dell’ultim’ora (vedi Sant’Agata de’ Goti versione 2014) non pagano: la gente, ormai, ha raggiunto un minimo livello di valutazione e tende a premiare, se proprio ribaltone deve essere, chi è stato presente sul territorio. Modello Bonea, per intendersi, dove i vincenti di oggi sono venuti da un’opposizione tenacemente portata avanti per ben dieci anni. Quella costanza che sembra non difettare in Gerardo Perna Petrone: in quel di Forchia il giovane legale sarà probabilmente chiamato a sfidare l’uscente Margherita Giordano nella primavera 2019. Tanta volontà e presenza per il consigliere di minoranza che, tuttavia, appare sempre più isolato entro l’opposizione sua stessa. Ma solo su di lui sembrano poggiare le possibilità di un’alternativa alla trentennale era (tra papà e figlio) targata Giordano. Ma torniamo all’anno 2018. Ebbene si perchè, da qui a qualche mese, nella principale cittadina dell’area caudina si dovrà rinnovare – o meno – la fiducia a Franco Damiano. Qui le cose sono ancora molto nebulose. C’è Michele Izzo che si pone quale competitor: ma riuscirà, questi, a far convergere sul suo nome l’appoggio dei grossi elettori montesarchiesi? Una sfida non facile per l’agente di Polizia. Cecere, intanto, si è chiamato fuori (al pari di Antonio Izzo, sebbene qualche voce bisbigli un clamoroso ritorno). E le cugine Papa? Tante, troppe cose ancora da definire – per quanto i mesi che separino al momento elettorale siano ancora corposi. Ma la confusione, questo è noto, non aiuta nell’ottica dell’immaginario cittadino. Chi sta sudando le fatidiche sette camicie, nella Valle, è Michele Napoletano. In quel di Airola l’opposizione martella quotidianamente. Si beccano, talvolta, anche fra di loro stessi ma restano – le varie componenti di minoranza – un pungolo praticamente quotidiano. La vera “battaglia”, però, il sindaco la vede giocare in casa propria dove qualche schermaglia di troppo, specie nei mesi scorsi, si è palesata all’interno della maggioranza. Sonni tranquilli, per il momento, in quel di Arpaia dove il neoletto Fucci veleggerà soft per almeno un paio di anni. E alquanto soft appare anche essere la vita di Giacomo Buonanno a Moiano dove l’opposizione, dopo l’iniziale e solitaria azione di Carmine Viscusi, è ormai poco attiva. Difficile, su questi presupposti, ipotizzare un progetto alternativo a Civitas. Medesimo discorso a Sant’Agata de’ Goti dove l’opposizione ha perso pezzi già a tre mesi dall’insediamento della nuova consiliatura: Carmine Valentino, che nel frattempo sarà chiamato a correre al Parlamento, dovrà solo capire chi investire della propria eredità. E chiudiamo con Durazzano ove anche Crisci, al suo secondo mandato, potrebbe valutare di cedere il passo ad uno dei giovani della sua squadra. Se l’imprenditore durazzanese terrà serrate le proprie fila, in ogni caso, non dovrebbe mancare di cogliere un nuovo premio per il proprio progetto.

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code