Home AGENDA Montesarchio| “L’isola che non c’è: i due volti dell’utopia di Franco Damiano”
0

Montesarchio| “L’isola che non c’è: i due volti dell’utopia di Franco Damiano”

0

Riceviamo e pubblichiamo.

Dov’è finita l’isola felice? Dov’è finito il mondo ovattato che il nostro primo cittadino si sforza a propinarci ogni volta che si affrontano questioni serie e di interesse collettivo? Ma non ci avevano definito la piccola “Seattle” per il grandioso intervento di informatizzazione e digitazione del territorio? Balle. Solo Balle.

Il mondo utopico di Franco Damiano si è sgretolato sotto i colpi della realtà: i livelli di sicurezza, negli ultimi mesi, si sono abbassati. I cittadini sono costretti a ronde spontanee per difendere il territorio. Questo con grave pericolo per la loro incolumità fisica. Per non parlare del tanto pubblicizzato sistema di videosorveglianza?!! Non funziona. Non decolla. E non si sa nemmeno quando diventerà operativo.

Intanto, assistiamo ai soliti teatrini. Il nostro primo cittadino si fa portavoce delle istanze del comitato di ordine e sicurezza. Si reca dal prefetto per tornare  a mani vuote. O meglio, per raccontarci che dovrà essere potenziato il servizio di controllo del territorio. Beh, la classica storia del serpente che si morde la coda.

L’isola felice è diventata l’isola che non c’è perchè manca un’azione concreta a tutela dei cittadini. L’amministrazione dovrebbe  fare ammenda dei propri fallimenti e cercare di intervenire con gli strumenti che ha a disposizione: telecamere “funzionanti” e vigili urbani. Il resto, cioè una sinergia con i carabinieri, dovrebbe essere ordinario e non “straordinario”.

Angela e Rosanna Papa

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code