Home ARTICOLI Arpaia | Appia e velocità, l’eterna questione arpaiola.
0

Arpaia | Appia e velocità, l’eterna questione arpaiola.

0

La questione Appia tra le prime “cose in agenda da fare” dell’Amministrazione guidata da Pasquale Fucci. Vinta facile la sfida con l’uscente Mario Carmine D’Ambrosio, la maggioranza guidata dal medico otorino è chiamata ora ad approcciare le criticità che attanagliano la Comunità locale: tra queste v’è sicuramente quella legata alla questione velocità lungo la strada statale Appia. La “regina viarum” – quanto meno gli antichi Romani la definivano così – in quel di Arpaia perde i gradi di nobiltà: stretta nella carreggiata e dal manto non sempre eccelso, l’arteria in questione è caratterizzata da traffico intenso e velocità spesso spropositate. La strada, come noto, rappresenta la via di collegamento più veloce tra Caserta e Benevento con una quantità di mezzi in percorrenza stimata quotidianamente in circa 25.000 unità: molti di questi sono mezzi pesanti, molti con andature non sempre immacolate. L’Appia, però, taglia Arpaia nel suo pieno Centro e non, come capita in altri Centri, nelle aree marginali e periferiche: bastano cinque minuti di osservazione per comprendere quanto sia disagevole la situazione da queste parti. Bambini, donne, anziani alle prese con attraversamenti da centometristi, “spaventati” dall’abbondanza di veicoli talvolta “spinti” da un piedino alquanto troppo pesante. Più e più volte è stata sollecitata anche dall’associazionismo – vedasi “Ambiente e/è Vita” – l’adozione di provvedimenti finalizzati a limitare le andature. Da un lato per abbattere il rischio gravante sui pedoni – venite a provare l’ebbrezza di bestioni d’acciaio che galoppano dimenticandosi di essere nel cuore di un centro abitato – dall’altro per alleviare le vibrazioni che continuamente riverberano sulle abitazioni limitrofe alla carreggiata per l’effetto del cocktail tir-velocità. Si invoca da parte degli amministratori un’azione incisiva presso gli Organi competenti al fine di ottenersi l’adozione di un sistema, quello compatibile alla normazione vigente, che sia utile a frenare i tachimetri. Prima che sia troppo tardi, agendo nell’ottica del prevenire e non del curare

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code