Home ARTICOLI Montesarchio | Biblioteca Tempolibro: incontro con la referente regionale NATI PER LEGGERE.
0

Montesarchio | Biblioteca Tempolibro: incontro con la referente regionale NATI PER LEGGERE.

0

INCONTRO ALLA BIBLIOTECA “TEMPOLIBRO” CON LA REFERENTE REGIONALE  NATI PER LEGGERE CAMPANIA, TIZIANA CRISTIANI.

Si è tenuto l’altra sera  presso la biblioteca “Tempolibro” di Montesarchio  un incontro di rifocalizzazione con le volontarie/i del presidio Nati per Leggere Campania di Montesarchio ed ha partecipato la referente regionale “Nati per Leggere Campania” Tiziana Cristiani. Nati per Leggere è un programma nazionale di promozione della lettura in età precoce (0/6 anni), di protezione dallo svantaggio socio culturale e dalla povertà educativa, che dal 1999 mobilita risorse locali e attiva operatori e volontari nelle situazioni più diverse del nostro Paese. Il cuore del programma è la lettura in famiglia in età precoce, intesa come momento che crea relazione e intimità tra adulto e bambino producendo benefici psicofisici che dureranno tutta la vita. Le ricerche scientifiche, infatti, hanno ormai da tempo dimostrato come leggere a voce alta, vicini, ponendosi in quella relazione speciale e dal forte impatto emotivo che è la lettura condivisa, già dai primi mesi di vita e con continuità, contribuisca positivamente ad un significativo sviluppo cognitivo, linguistico ed emotivo del bambino. Come per tutti gli interventi precoci, quanto prima si interviene maggiori e più durevoli sono i benefici nel corso della vita. Per questo iniziare a leggere costantemente ai bambini da piccolissimi – e prima ancora nella pancia della mamma! – costituisce un “fattore di protezione” e una opportunità per la costruzione dello sguardo sul mondo. Dal 1999 Nati per Leggere sostiene che ogni bambino ha diritto ad essere protetto non solo dalla malattia e dalla violenza ma anche dalla mancanza di adeguate occasioni di sviluppo affettivo e cognitivo. “Proteggere” per Nati per Leggere significa impegnarsi affinché anche un bambino che nasce in un contesto deprivato, non solo economicamente ma povero di risorse e di strumenti culturali, possa avere le stesse opportunità di tanti altri bambini più fortunati. Nati per Leggere è per dimensioni il terzo programma su scala internazionale dopo quello americano, Reach out and read, e quello inglese, Bookstart, e coinvolge 10.000 tra operatori dei settori sanitario, culturale e socio-educativo e volontari. Si stima che almeno un bambino su quattro in Italia sia stato raggiunto dalle iniziative di questo programma attraverso più di 600 progetti locali diffusi in tutta Italia e gestiti dai Coordinamenti regionali. Progetti locali sono attivi e in continuo sviluppo in tutte le regioni. Le reti di Nati per Leggere coinvolgono biblioteche, ambulatori pediatrici, consultori, punti nascita, pediatre degli ospedali. Operatori e volontari sono attivi nei quartieri a rischio delle grandi città, in zone povere di servizi, tra le comunità di migranti, in luoghi particolari come gli istituti di detenzione o i campi terremotati dell’Abruzzo e dell’Emilia. Promosso dall’alleanza tra l’Associazione Culturale Pediatri ACP, l’Associazione Italiana Biblioteche AIB e il Centro per la Salute del Bambino onlus CSB, con il coinvolgimento della società civile espressa dai volontari . Un Programma di comunità che vuole raggiungere tutti i bambini e tutelare il loro diritto alle storie, garantendo – anche nelle situazioni più difficili – l’accesso ai libri di qualità e ai luoghi di lettura come segno di democrazia, lotta all’esclusione ed equità sociale. Per questo Nati per Leggere punta a colmare le distanze e a coinvolgere tutte le famiglie, specialmente quelle più difficilmente raggiungibili e vulnerabili, per offrire opportunità di sviluppo cognitivo, emotivo, relazionale e sociale fin dai primi mesi di vita e sostegno alle competenze dei genitori. La figura del pediatra, in quanto unica figura professionale che entra in contatto con tutti i bambini e perciò garante dell’universalità dell’intervento, è fondamentale nella diffusione delle buone pratiche sostenute dal Programma. La biblioteca “Tempolibro” di Montesarchio  crede molto  in ”Nati per leggere” perché solo istillando il piacere della lettura e dei libri sin dalla più tenera età è possibile far crescere i cittadini autonomi e responsabili. La bibliotecaria Anita Parrella, è stata referente  da sempre Nati per leggere Campania perché tale programma è sempre stato per lei punto di partenza per il consolidamento del piacere della lettura nei futuri cittadini. La biblioteca,aperta tutti i giorni possiede libri nuovissimi e interessanti per tutte le fasce di età ed è molto frequentata dai ragazzi e adulti di Montesarchio. Inoltre la biblioteca ubicata nei locali dell’Istituto Comprensivo  “ILARIA ALPI” è stata premiata dalla regione Campania inserendola tra le 4 biblioteche più innovative della Campania stessa e le è stato riservato, un contributo di 9500 euro, il più alto tra i contributi ricevuti dalle biblioteche campane.Leggere ai bambini prima, incoraggiarli poi a leggere da soli significa regalare loro tante possibilità in più e una varietà di colori con cui dipingere le sfumature del loro mondo presente e futuro e la biblioteca Tempolibro  di Montesarchio dà il suo ottimo contributo alla realizzazione di tutto ciò.

BRIGIDA ABATE    

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code