Home ARTICOLI E’ caudino l’autore delle musiche di Sorry, il docu-film della Caritas.

E’ caudino l’autore delle musiche di Sorry, il docu-film della Caritas.

1

Sta girando tra le Caritas di tutto il mondo il documentario dal titolo Sorry di Rossella Alimenti per la regia di Enrico Grassetti.
Il film, realizzato con la collaborazione dei Centri di prima Accoglienza Minori della Caritas e realizzato dal centro produzione Rai Lazio, sta ricevendo apprezzamenti per l’ottimo lavoro del direttore della fotografVincenzoia Armando Barberi e, cosa più importante, per il compositore delle musiche della colonna sonora: il caudino Vincenzo Parente, figlio d’arte del nostro amico trombonista Mario.
Vincenzo, che della musica ha fatto una ragione di vita, è un affermato musicista e non è nuovo alla composizione di musiche da docu-film.

E’ diplomato in corno al conservatorio di musica “Nicola Sala” di Benevento sotto la guida del M.A.Cimmino
Studia armonia e composizione con il M.Concezio Panone. Si perfeziona a Lugano negli anni accademici 2000/2001 e 2001/2002 in Performance Horn con il M¡Radovan Vlatkovic. Da maggio 2002 ad ottobre 2003 entra a far parte dell’Orchestra Sinfonica di Milano G.Verdi diretta dal M¡Riccardo Chailly.Dal
2003 al 2014 fa parte dell’Orchestra Sinfonica di Roma.Ha collaborato e collabora con diverse istituzioni Lirico Sinfoniche: Orchestra del Teatro San Carlo di Napoli,Teatro Maggio Musicale Fiorentino,Orchestra Città Lirica di Pisa,Orchestra da Camera di Freiburg,Orchestra Sinfonica Abruzzese,Teatro Lirico di Cagliari,Orchestra dell’Insubria,Roma Sinfonietta,PMJO Parco della Musica JazzOrchestra.
Ha studiato armonia,arrangiamento e composizione jazz con il M.Antonello Vannucchi ed ha frequentato Work Shop per strumento con il pianista Barry Harris organizzati dal Jazz Felt Club di Roma. Ha collaborato con artisti come Ennio Morricone,Daniele Silvestri,Fiorella Mannoia,Renato Zero,Andrea Bocelli,Elisa,Gianna Nannini,Stefano Di Battista ed altri.

E’ autore, inoltre, di un altro importante lavoro “Bisagno” che parla della resistenza ligure e che, il prossimo 8 marzo, sarà presentato ufficialmente all’Auditorium del Seraphicum di Roma.
Grande attesa per questo lavoro di Marco Gandolfo che ha fortemente voluto Vincenzo Parente alla composizione della colonna musicale dell’opera che documenta la vita e gli eroismi del partigiano Aldo Gastaldi, nome di battaglia Bisagno al quale fu attribuito il titolo di “Primo Partigiano d’Italia”.

Il documentario Sorry si può visualizzare al link: www.caritasroma.it

Per vedere il trailer del documentario: www.bisagnofilm.com

(Red)

sponsor

Comment(1)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code