Home AGENDA Le otto verità che qualcuno tace a Sant’Agata de’ Goti.
0

Le otto verità che qualcuno tace a Sant’Agata de’ Goti.

0

COMUNICATO STAMPA 1.2016
a firma di Giovanna Razzano e Luigi Di Nuzzi

Il fondo di rotazione e i virtuosi del bilancio

Il Commissario Prefettizio di S. Agata de’ Goti ha provveduto alla rimodulazione del piano di riequilibrio pluriennale con l’accesso al fondo di rotazione. Ciò conferma che il Comune è in stato deficitario, in quanto sussistono squilibri strutturali del bilancio in grado di provocare il dissesto finanziario.

Che vuol dire?

Così come presentato il piano non era sufficiente ad ottenere l’approvazione e si è dovuti ricorrere alla sua integrazione con l’accesso al fondo di rotazione.

Il fondo di rotazione è un’ulteriore anticipazione di soldi attribuita agli enti e da restituire in 10 anni, che, in condizioni di sostanziale dissesto finanziario,  aderiscono al piano di riequilibrio, ma ciò che nessuno dice, è che per accedere a tale fondo ci sono delle condizioni.

  • L’obbligo di deliberare le massime aliquote e tariffe a carico dei cittadini;
  • L’impegno ad alienare i beni patrimoniali disponibili;
  • L’obbligo alla rideterminazione della dotazione organica, dichiarando eccedente il personale in sovrannumero rispetto ai rapporti medi dipendenti-popolazione;
  • L’obbligo della la riduzione delle spese di personale, dirigente e non, relativamente alla retribuzione accessoria;
  • La riduzione di almeno il 10% delle spese per prestazioni di servizi;
  • La riduzione di almeno del 25% delle spese per trasferimenti ad altri enti;
  • Il blocco dell’indebitamento, fatto salvo per i mutui per la copertura di debiti fuori bilancio pregressi;
  • Una rigorosa revisione della spesa.

Con il piano di riequilibrio, a differenza del dissesto, i cittadini per dieci anni avranno le aliquote e tariffe dei servizi comunali al massimo e i creditori dovranno attendere ancor più di prima per incassare le loro spettanze.

Oggi, chi come l’ex sindaco, gioisce per l’avvio del risanamento finanziario del Comune lo fa in quanto dopo ben 14 anni di gestione amministrativa la sua condotta non sarà oggetto (al momento) del procedimento di responsabilità amministrativa previsto per coloro che hanno provocato il dissesto (con la conseguente incandidabilità), non certo perché ha a cuore il benessere delle famiglie, dei commercianti e degli imprenditori di Sant’Agata.

Sant’Agata de’ Goti, 30.01.2016

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code