Home AGENDA L’Arte come ponte dell’integrazione. Chiusura del progetto ARTIVAMENTE
0

L’Arte come ponte dell’integrazione. Chiusura del progetto ARTIVAMENTE

0

Performance di chiusura del workshop di dizione e recitazione “Supereroi: tra musica e teatro” nell’ambito del progetto “Artivamente” : L’Arte come ponte dell’integrazione

Nella giornata di domani 10 dicembre 2015 alle ore 18.30 presso la Sala Consiliare del Comune di Conza della Campania (AV) , opportunamente e scenograficamente allestita per l’occasione, si terrà la performance finale con protagonisti i richiedenti asilo della Stazione di Accoglienza Alta Irpinia(SPRAR) di Conza della Campania. I laboratori per quel che riguarda il comune di Conza della Campania sono stati curati, con grande coinvolgimento dei ragazzi, dagli artisti Ilaria Scarano e Carmine Minichiello. Il progetto persegue l’obiettivo di favorire l’integrazione delle persone con difficoltà sociali nel proprio contesto territoriale attraverso un’esperienza artistica; intende favorire l’incontro e la conoscenza tra le persone, per far sperimentare delle situazioni in cui ogni individuo può esprimere se stesso nella propria identità. Sono stati messi in campo laboratori gratuiti di Restauro, Ceramica, Lavorazione del Feltro, Fotografia Digitale e un Laboratorio di Dizione e Recitazione: tra Musica e Teatro, che vedranno coinvolti i ragazzi dell’Istituto Penale per Minori di Airola e i richiedenti asilo politico e rifugiati politici presenti nel Centro per i rifugiati politici di Conza della Campania (AV), al fine di favorire la loro re-integrazione nella comunità locale ed il loro inserimento nel mondo del lavoro attraverso l’acquisizione di competenze in linea con le richieste del mercato. I laboratori sono stati preceduti da attività di Role-Playing , di costruzione delle dinamiche di gruppo per Conoscersi, Confrontarsi, Contrattare, Inventare e Valutare e da uno Spazio Auto-Biografico, per indurre i destinatari a pensare e realizzare un cambiamento nel modo di vivere in gruppo e per migliorare il loro stile di vita. Il coordinamento e la promozione delle attività progettuali è spettato all’Associazione di Promozione Sociale SannioIrpinia Lab guidata dalla dott.ssa Daniela Miele. Tra i partner del progetto: Fondazione Opus Solidarietatis Pax, il Gruppo Fratres Donatori di sangue di Conza della Campania, la Confederazione Nazionale dell’artigianato e dell’impresa provinciale di Benevento (CNA), il Ministero della Giustizia- Dipartimento di Giustizia Minorile di Airola (BN) e la Cooperativa Sociale “Familiamo” OnLus.

sponsor

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code